© Ai Weiwei / Photo: © LAWILINK/Amnesty International
© Ai Weiwei / Photo:

Maratona di lettere 2016 Eren Keskin, arrestata oltre 100 volte per le sue critiche al governo

Da decenni l’avvocatessa ed ex giornalista Eren Keskin critica apertamente e in modo pacifico le autorità turche. Un discorso da lei pronunciato 11 anni fa ha molto irritato le autorità. In questo discorso ha accusato lo Stato di aver “massacrato Uğur Kaymaz, un bambino di 12 anni”.

Secondo Eren Keskin l’omicidio di questo ragazzino, avvenuto nel 2004, è uno dei numerosi episodi che infangano la storia della Turchia, un caso, afferma l’avvocatessa, per il quale le autorità devono rispondere delle proprie responsabilità.

Per questo e per i numerosi articoli pubblicati nel giornale curdo di cui era direttrice, è stata a più riprese accusata di aver insultato lo Stato e il presidente.

Eren Keskin ha subito più di 100 processi per aver denunciato senza paura le discriminazioni e le gravi violazioni di cui sono vittime le persone che appartengono alla minoranza curda in Turchia. Nel 1995 ha trascorso sei mesi in carcere per aver utilizzato la parola “Kurdistan” in un articolo. Il numero di procedure giudiziarie aperte contro di lei è sufficiente per dimostrare che si tratta di una vera e propria persecuzione.

L’unico crimine di Eren Keskin è quello di voler continuare a denunciare le ingiustizie. Per lei dobbiamo agire con urgenza: potrebbe essere arrestata in ogni momento con nuove e false accuse che la porterebbero nuovamente in carcere, e questa volta per lungo tempo.

Chiedi alla Turchia di non arrestare Eren Keskin.

Scrivi al Ministro della giustizia turco. Chiedigli di abrogare le leggi che reprimono il diritto alla libertà d’espressione. Eren Keskin non deve essere incarcerata per aver denunciato apertamente il governo e chiesto che sia fatta giustizia.

Trovi un modello di lettera qui.

e-mail: ozelkalem@adalet.gov.tr

Twitter: @bybekirbozdag

Esprimi la tua solidarietà verso Eren Keskin.

Scrivile una cartolina o una lettera con il seguente messaggio: “Cara Eren, difendo il tuo diritto alla libertà d’espressione”.

Eren Keskin - c/o Turkey team

Amnesty International

1 Easton Street

Londra WC1X ODW

Regno Unito