© Ai Weiwei / Photo: © LAWILINK/Amnesty International
© Ai Weiwei / Photo:

Maratona di lettere 2016 Peace River Valley, lottano per preservare le terre dei loro antenati

Oltre 100 anni fa il bis-bis nonno di Helen Knott, per proteggere lo stile di vita del suo popolo, ha firmato un trattato con il governo canadese. Oggi, invece di onorare i propri impegni, il governo ha autorizzato la costruzione di un immenso sbarramento idroelettrico che minaccia le culture e lo stile di vita della popolazione della valle di Peace River.

Le popolazioni autoctone di questa regione hanno già perso gran parte delle loro terre a causa di attività legate all’estrazione di petrolio e gas. Se questo sbarramento verrà realizzato perderanno una delle ultime aree nelle quali potevano ancora cacciare, pescare e svolgere rituali sacri.

Il governo ha approvato il progetto di costruzione di questo sbarramento, chiamato sito C, ammettendo contemporaneamente che questo causerà dei danni permanenti alle popolazioni di questa regione.

Le Prime Nazioni West Moberly e Prophet River si sono rivolte alla giustizia chiedendo che il governo canadese rispetti il trattato firmato 100 anni or sono e interrompa la costruzione dello sbarramento. Mentre la giustizia non si è ancora pronunciata, l’azienda idroelettrica ha già iniziato ad abbattere gli alberi e spianare il terreno in vista della costruzione dello sbarramento idroelettrico.

Chiedi al Canada di fermare la costruzione dello sbarramento del sito C.

Scrivi al Primo ministro canadese.

Chiedigli di fermare la costruzione dello sbarramento del sito C, e di rispettare l’obbligo che incombe al Canada di rispettare e proteggere i diritti dei popoli autoctoni della valle di Peace River.

Trovi un modello di lettera qui.

e-mail: pm@pm.ca

Twitter: @JustinTrudeau

Sostieni i popoli autoctoni di Peace River.

Fai una foto di te stesso - o di un gruppo di amici - con un messaggio di solidarietà per sostenere la lotta per la protezione delle loro terre ancestrali di Peace River.

Carica la tua fotografia qui: www.amnesty.ca/withthepeaceriver