© Frederic J Brown/AFB/Getty images
© Frederic J Brown/AFB/Getty images

Liberate i 5! In carcere per aver denunciato la repressione degli uiguri

Berna/Lugano, gennaio 2022
Ilham Tohti è un rinomato intellettuale uiguro, ex professore di economia all'Università Centrale delle Nazionalità di Pechino. Ha lavorato per 20 anni per promuovere una migliore comprensione tra Uiguri e Han.

Rifiutando costantemente il separatismo e la violenza, Ilham Tohtia ha cercato di avviare un dialogo tra questi due gruppi etnici. È il fondatore e direttore del sito web bilingue Uighur Online, che ha riportato le violazioni dei diritti umani subite non solo dagli uiguri ma anche dagli Han. Le autorità hanno chiuso il sito web prima delle Olimpiadi di Pechino del 2008 e da allora lo hanno chiuso diverse volte.

Il 15 gennaio 2014, la polizia è venuta a prelevare Ilham Tohti dalla sua casa nella capitale cinese. Per cinque mesi, la sua famiglia e i suoi amici non sapevano dove fosse. È stato privato del cibo per 10 giorni e costretto a portare catene ai piedi per 20 giorni di seguito. Nonostante il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle detenzioni arbitrarie abbia riconosciuto l'arbitrarietà della sua detenzione nel marzo 2014, è stato condannato all'ergastolo nel settembre dello stesso anno per "separatismo" dopo un processo rapido e ingiusto. Ilham Tohti è un prigioniero di coscienza, imprigionato solo per aver esercitato il suo diritto alla libertà di espressione.

Le autorità cinesi usano spesso accuse di "separatismo" per sopprimere la libertà di espressione. Ritengono che ogni critica alle loro politiche etniche sia volta a minare le relazioni tra i diversi gruppi etnici e a promuovere segretamente idee separatiste.

Attraverso i suoi scritti e le sue conferenze, Ilham Tohti ha evidenziato le politiche governative che alimentano il malcontento e le tensioni etniche, comprese quelle che limitano l'uso della lingua uigura, limitano severamente la libertà di religione degli uiguri, ostacolano il loro accesso al lavoro e incoraggiano l'afflusso di migranti Han nella regione dello Xinjiang. Pur denunciando le politiche che opprimono la sua comunità, ha scritto molto sul dialogo e la riconciliazione come mezzo per superare la disparità di trattamento dei diversi gruppi etnici. Ha costantemente parlato contro la violenza e ha lavorato pacificamente per costruire ponti tra le comunità etniche in conformità con la legge cinese.

Il territorio più sorvegliato del mondo

Dal 2014, la presenza della polizia è aumentata significativamente nella regione dello Xinjuang, che è sotto intensa sorveglianza nell'ambito della "guerra del popolo al terrore" dichiarata ufficialmente dalla Cina e gli sforzi per combattere "l'estremismo religioso". Nel 2016, le misure di controllo della società sono aumentate rapidamente. Oggi, i musulmani dello Xinjiang sono tra i gruppi più controllati al mondo.

Dal 2017, un numero considerevole di uomini e donne della comunità uigura e di altre minoranze etniche a maggioranza musulmana nello Xinjiang sono stati detenuti arbitrariamente. Centinaia di migliaia di persone sono state imprigionate, e centinaia di migliaia - forse un milione o più - sono state mandate nei campi di internamento. In questi "campi di rieducazione", i prigionieri sono sottoposti a varie forme di tortura e altri maltrattamenti, compresi l'indottrinamento politico e l'assimilazione culturale forzata.