Una donna con il figlio nel campo di Moria, in Grecia. ©AFP via Getty Images
Una donna con il figlio nel campo di Moria, in Grecia. ©AFP via Getty Images

Coronavirus Ignorati dalle strategie anti Covid-19 i profughi affrontano la fame

14 maggio 2020
Il trattamento disumano di rifugiati e migranti minaccia di bloccare i progressi nell'affrontare il Covid-19. Questo l'avvertimento lanciato da Amnesty International, secondo la quale se non si interviene ur-gentemente i campi e i centri di detenzione sovraffollati diventeranno i nuovi epicentri della pandemia. L'organizzazione ritiene che l'isolamento e le limitazioni di movimento hanno esacerbato le condizioni di vita disastrose, lasciando milioni di persone a rischio di fame e malattie.

L'organizzazione per i diritti umani chiede un'azione globale concertata che possa assicurare a centinaia di migliaia di persone in fuga un accesso adeguato al cibo, all'acqua, ai servizi igienici e all'assistenza sanitaria per garantire la loro sopravvivenza.

"È impossibile contenere adeguatamente questo virus quando così tante persone in tutto il mondo vivono in campi e centri di detenzione disperatamente sovraffollati e dove le condizioni igieniche sono pessime. Abbiamo più che mai bisogno di compassione e di cooperazione, ma alcuni governi hanno invece raddoppiato le discriminazioni e gli abusi - impedendo le consegne di cibo e acqua, rinchiudendo le persone o rispedendole ad affrontare la guerra e le persecuzioni", ha detto Iain Byrne, capo del team di Amnesty International per i diritti dei rifugiati e dei migranti.

"In molti campi la morte per fame è ora considerata una minaccia più grande del virus stesso. Questo vuol dire aver rinunciato alla responsabilità collettiva di proteggere i rifugiati e i migranti. Esortiamo gli Stati ad agire immediatamente per evitare che questa diventi una catastrofe dei diritti umani".

Molti governi hanno intrapreso azioni guidate dalla discriminazione e dalla xenofobia, che mettono inutilmente i rifugiati a rischio di fame e malattie.

Per esempio, le forniture d'acqua sono state deliberatamente interrotte dalle autorità locali del campo di Vucjuk in Bosnia così da costringere gli abitanti del campo a trasferirsi.  Molti rifugiati vivono in situazioni economiche precarie, e l'isolamento e il coprifuoco rendono più difficile che mai guadagnarsi da vivere. Nel campo di Zaatari, in Giordania, l'isolamento impedisce alle persone di lavorare: di conseguenza non hanno cibo o un reddito per pagare persino i beni di prima necessità. In aprile, i residenti dei campi di fortuna negli insediamenti francesi di Calais non hanno ricevuto adeguate forniture di cibo e acqua a causa del lockdown, e le restrizioni agli spostamenti rendevano impossibile per loro fare acquisti, anche se avevano i soldi per farlo.

Molti governi hanno continuato a trattenere inutilmente le persone in cerca di asilo, esponendole al rischio di contrarre il virus. Non ci sono abbastanza test e attrezzature protettive per il personale e per le persone detenute, che potrebbero infiammare una polveriera di malattie e di morti. Le persone detenute in detenzione in Australia hanno implorato di essere rilasciate perché temono che il personale sprovvisto del materiale per la protezione personale possa, inconsapevolmente, essere portatore del virus.

Altri governi hanno violato il diritto internazionale costringendo le persone a tornare nelle zone di pericolo con il pretesto di contenere COVID-19.

Alimentati da un'agenda anti-migranti e opportunistica già esistente, tra il 20 marzo e l'8 aprile gli Stati Uniti hanno respinto 10.000 persone entro le due ore dal loro arrivo sul suolo statunitense. Allo stesso modo, la Malesia ha fatto tornare indietro una barca di rohingya. Il Bangladesh ha finito con dare il proprio permesso per l'approdo della barca, ma almeno 30 persone sono morte quando la loro imbarcazione è rimasta in mare per due mesi. Attualmente, ci sono notizie che diverse centinaia di persone hanno urgente bisogno di assistenza per la ricerca e il salvataggio.

Costringere le persone a tornare in paesi dove ci si può ragionevolmente aspettare che affrontino persecuzioni, torture o altri trattamenti crudeli o degradanti equivale a un respingimento che è illegale secondo il diritto internazionale. Non ci sono circostanze in cui il principio di non respingimento non sia applicabile.

Amnesty International chiede ai governi di:

- Fornire adeguate forniture di cibo e acqua e assistenza sanitaria ai campi e alle persone in quarantena;

- Considerare la regolarizzazione temporanea di tutti i migranti, indipendentemente dal loro status documentale; assicurarsi che i pacchetti di stimolo economico e le protezioni si applichino ai richiedenti asilo e ai rifugiati, e continuare a permettere il reinsediamento, ove possibile;

- Decongestionare i campi, i centri di detenzione per immigrati e gli insediamenti informali, e ricollocare le persone in condizioni dignitose e sanitarie, dando loro un adeguato accesso all'assistenza sanitaria, al cibo e all'acqua. I detenuti immigrati dovrebbero essere rilasciati se il loro diritto alla salute non può essere garantito durante la detenzione.

Sostenere il diritto di chiedere asilo e il principio di non-refoulement.

"I governi continuano a dire che ci siamo dentro tutti insieme. Questo non significa nulla, a meno che non si facciano avanti per proteggere i milioni di persone in tutto il mondo che stanno vivendo questa pandemia lontano dalle loro case e dai loro cari", ha detto Iain Byrne, "Qualsiasi governo che permetta ai rifugiati di morire di fame o di sete durante l'isolamento ha fallito miseramente nell'affrontare questa crisi".