© AI
© AI

40 anni di occupazione israeliana in Palestina Amnesty chiede di garantire la libertà di movimento

Israele occupa dal 5 giugno 1967 i territori palestinesi della Cisgiordania, della striscia di Gaza e di Gerusalemme Est. La popolazione palestinese subisce da allora una serie di massicce restrizioni alla libertà di movimento.

Amnesty International lancia un’azione online per chiedere al governo israeliano di garantire alle cittadine e ai cittadini palestinesi un libero accesso alle loro terre, alle strutture sanitarie e alle scuole. Il muro – nel caso che dovesse davvero rendersi indispensabile – non deve in alcun modo essere eretto all’interno del territorio palestinese, bensì tra quest’ultimo e il confine con Israele. Firmate la nostra azione online »

Al Primo Ministro israeliano

Amnesty International condanna gli attentati suicidi perpetrati dai gruppi armati palestinesi che hanno come obiettivi vittime civili e riconosce il diritto di Israele di proteggere i propri cittadini e di garantire la loro sicurezza. Tuttavia, le massicce e ingiustificate restrizioni alla libertà di movimento della popolazione palestinese costituiscono una forma di punizione collettiva che colpisce tutto il popolo e viola il diritto umanitario internazionale. Senza considerare che tale punizione è gravemente discriminatoria.

Pertanto, Amnesty International chiede al governo israeliano:

  • Di non costruire il muro di protezione all’interno del territorio palestinese, bensì tra quest’ultimo e Israele, solo in caso di assoluta necessità
  • Di garantire ai palestinesi la libertà di movimento e di accesso al loro posto di lavoro, alle loro terre, alle strutture sanitarie e alle scuole
  • Di indennizzare le persone la cui abitazione privata è stata distrutta dall’autorità palestinese
  • Di fermare l’espansione delle colonie nei territori occupati che costituisce una minaccia al diritto umanitario internazionale


Informazioni supplementari

Quale è la situazione dopo 40 anni di occupazione? Leggete il nostro dossier sulle violazioni dei diritti umani compiute in 40 anni di lotta in Medio Oriente tra israeliani e palestinesi »