Azione su eBay di Amnesty contro la tratta delle donne Mercedes, Nila, Toshiba... Tre giovani donne o tre articoli messi all'asta?

La Sezione svizzera di Amnesty International lancia oggi un’azione poco convenzionale sul sito internet di vendite all’asta e shopping eBay: più di 200 annunci sono stati messi online per ricordare che nel mondo ci sono esseri umani messi in vendita come fossero merci e incitare il pubblico a mobilitarsi contro la tratta delle donne.

«Mercedes, modello 1986, puro lusso», «Nila Pioneer, marrone/nero, NOVITÀ!», «Toshiba, ultimi giorni, offerta speciale»: un’automobile, un televisore, un computer messi all’asta? O tre giovani donne vittime della tratta di esseri umani? La Sezione svizzera di Amnesty International lancia oggi un’azione poco convenzionale sul sito di vendite all’asta e shopping online eBay. Oltre 200 membri dell’organizzazione per i diritti umani hanno messo in rete una serie di annunci per ricordare che nel mondo ci sono migliaia di donne che vengono vendute e com-prate come fossero merce e per invitare il pubblico a firmare la petizione della campagna “Euro 08 contro la tratta delle donne”, che esige una migliore protezione per le vittime della tratta in Svizzera.

Gli “articoli” messi in vendita vanno dai mobili antichi agli elettrodomestici, dalle automobili agli strumenti musicali. In comune hanno una cosa: la loro marca potrebbe essere il nome di una donna. Cliccando sull’annuncio di vendita di una Mercedes, la persona che naviga nel sito di eBay potrebbe pertanto imbattersi non in una pagina che presenta un’automobile, bensì nella foto di una donna. Ma in realtà non ci sarà nulla da acquistare: la persona che finirà su uno di questi annunci verrà invece sensibilizzata sullo scandaloso fenomeno costituito dal traffico di esseri umani e potrà agire firmando una petizione online contro la tratta.

Guarda uno degli annunci »

La tratta di esseri umani rappresenta, insieme al traffico di armi e droga, una fra le attività criminali più lucrative. Nel mondo intero, donne, bambini e uomini vengono venduti, ridotti in schiavitù, costretti a prostituirsi o impiegati come manodopera a basso costo. Soltanto in Europa si stima che siano più di 500'000 le donne e le giovani vittime della tratta ogni anno. Con false promesse, minacce o debiti fittizi, queste donne sono sfruttate, rese dipendenti e schiavizzate dai loro trafficanti. Alcune di loro arrivano anche in Svizzera.

L’azione su eBay è stata ideata dall’agenzia pubblicitaria di Zurigo Walker. Uno spot contro la tratta è stato realizzato dalla medesima agenzia ed è attualmente diffuso durante l’Euro 08 negli stadi e nelle arene pubbliche.

Per saperne di più sulla tratta delle donne clicca qui

Grazie per la tua donazione

Il tuo impegno è la nostra forza. Grazie per la tua donazione