Nigeria: Nuovo rapporto di Amnesty International sull'inquinamento nel Delta del Niger Shell deve impegnarsi a pagare un miliardo di dollari per bonificare la regione

In un rapporto intitolato "La vera tragedia: ritardi e mancanze nella gestione delle fuoriuscite di petrolio nel Delta del Niger" , Amnesty International e il Centro per l'ambiente, i diritti umani e lo sviluppo (Cehrd) hanno affermato che la Shell deve impegnarsi a pagare una quota iniziale di un miliardo di dollari per bonificare la zona di Bodo, nell'Ogoniland, danneggiata da due grandi fuoriuscite di greggio nel 2008.

Il Programma per l'ambiente delle Nazioni Unite ha recentemente verificato che l'inquinamento da petrolio, in corso da molti anni, ha causato una devastazione nell'Ogoniland cui potrà essere posto rimedio in più di 25 anni. Le Nazioni Unite hanno raccomandato l'istituzione di un Fondo per il recupero ambientale da finanziare inizialmente con un miliardo di dollari e poi con ulteriori successivi contributi.

"Il mancato intervento immediato per fermare le fuoriuscite e bonificare la zona inquinata a Bodo ha devastato la vita di decine di migliaia di persone. Bodo è un disastro che non avrebbe mai dovuto accadere, eppure a causa di quel mancato intervento della Shell va avanti ancora oggi. È il momento che questa compagnia multimiliardaria ammetta, pulisca e paghi" - ha dichiarato Aster van Kregten, ricercatrice di Amnesty International sulla Nigeria.

Nel 2008 due fuoriuscite consecutive, causate dal cattivo stato dell'oleodotto, riversarono migliaia di barili di petrolio sulla terra e nell'acqua di Bodo, una città di 69.000 abitanti. Entrambe le perdite proseguirono per settimane prima di essere fermate. Nessuna bonifica degna di questo nome è stata mai effettuata.

"La situazione di Bodo è esemplificativa della più ampia realtà dell'industria petrolifera nel Delta del Niger. Le autorità semplicemente non controllano le compagnie. La Shell e le altre hanno la libertà di agire, o di non agire, senza timore di essere sanzionate. In assenza di meccanismi di regolamentazione indipendenti, efficaci e ben finanziati, tanta altra gente continuerà a soffrire a causa delle compagnie petrolifere" - ha sottolineato Patrick Naagbanton, coordinatore del Cehrd.

La Shell, che ha ultimamente dichiarato utili per 7,2 miliardi di dollari per il periodo luglio - settembre, offrì inizialmente alla comunità di Bodo 50 sacchi di riso, fagioli, zucchero e pomodori.

I danni in corso alla pesca e all'allevamento hanno causato scarsità di cibo e aumento dei prezzi. Gli abitanti di Bodo hanno riferito ad Amnesty International e al Cehrd quanto sia difficile sopravvivere e hanno denunciato gravi problemi di salute. La ricerca di un'occupazione alternativa non è semplice. Molti giovani sono stati costretti ad andare a cercare lavoro nella capitale Port Harcourt, a 50 chilometri di distanza.

Un pescatore di Bodo ha detto: "Prima delle fuoriuscite, la vita era facile. Si viveva di caccia e di pesca. Dopo, tutto è andato distrutto".

Quando Amnesty International ha chiesto alla Shell di rendere conto del proprio operato a Bodo, la compagnia ha dichiarato di non poter rispondere nel merito, dato che le fuoriuscite di petrolio erano al centro di un contenzioso legale nel Regno Unito. La Shell sostiene che le iniziative per fronteggiare il problema sono pregiudicate dai continui atti di sabotaggio, un'affermazione messa profondamente in dubbio da Amnesty International e dal Cehrd.

"La Shell sostiene spesso che la maggior parte delle fuoriuscite è dovuta al sabotaggio. Quest'affermazione è fortemente contestata dalle comunità locali e dalle Organizzazioni non governative, secondo le quali il procedimento di raccolta dei dati sulle fuoriuscite è lacunoso. Persino nel caso di Bodo, in cui è acclarato che le fuoriuscite furono causate dalla negligenza della Shell, la compagnia ricorre alla scusa del sabotaggio per giustificare la mancanza di rispetto delle leggi e dei regolamenti nigeriani, che richiedono alle compagnie di bonificare e risarcire prontamente. Quella della Shell è una posizione insostenibile" - ha precisato Aster van Kregten.

"I fatti sono chiari. Due fuoriuscite, entrambe per colpa della compagnia, entrambe lasciate proseguire prima di venire bloccate, nessuna delle due bonificata nonostante siano trascorsi tre anni. Non possono esserci scuse. Da qualunque punto di vista lo si consideri, è un fallimento aziendale" - ha commentato Patrick Naagbanton.

Il rapporto di Amnesty International e del Cehrd critica fortemente anche le agenzie governative nigeriane, per non aver saputo far valere le norme esistenti. Il ministero federale per le Risorse petrolifere, responsabile del rispetto di tali norme da parte delle compagnie, ha allo stesso tempo il ruolo di promuovere l'industria petrolifera e di massimizzare gli utili.

L'Agenzia governativa per l'individuazione e la riparazione delle fuoriuscite di greggio (Nosdra) è inefficace e carente di risorse. Non ha modo di identificare autonomamente le fuoriuscite e dipende dalle informazioni che riceve dalle compagnie responsabili o dalle comunità colpite. La Nosdra ha ripetutamente omesso di applicare gli standard vigenti nel caso delle fuoriuscite di Bodo.

Il recente rapporto del Programma per lo sviluppo delle Nazioni Unite ha sottolineato che, rispetto alle fuoriuscite di greggio, "le agenzie governative sono alla mercé delle compagnie petrolifere quando si tratta di condurre ispezioni sui siti".

Ulteriori informazioni

Il 28 agosto 2008 una falla nell'oleodotto Trans-Niger provocò una grande fuoriuscita di petrolio nella zona di Bodo. Il petrolio continuò a riversarsi per almeno quattro settimane, forse addirittura per 10. La Shell denunciò la fuoriuscita di 1640 barili di petrolio. Secondo una stima indipendente, tuttavia, fuoriuscì l'equivalente di 4000 barili al giorno. La fuoriuscita venne fermata il 7 novembre.

Un mese dopo, il 7 dicembre, si verificò una seconda fuoriuscita, sempre a causa delle cattive condizioni dell'oleodotto. Venne segnalata alla Shell il 9 dicembre e venne fermata 10 settimane dopo.

Dopo aver cercato a lungo di ottenere la bonifica e un adeguato risarcimento da parte della Shell, nel 2010 la comunità di Bodo ha deciso di cercare giustizia presso i tribunali del Regno Unito. Il caso è ancora in corso, ma ha dato un po' di speranza che la situazione di Bodo possa essere risolta.

Secondo il Programma per lo sviluppo delle Nazioni Unite, oltre il 60 per cento degli abitanti della regione dipende dall'ambiente naturale per il suo sostentamento e tra il 1976 e il 2001 si sono registrate più di 6800 fuoriuscite, con una perdita approssimativa di tre milioni di barili di petrolio. Molti esperti ritengono che si tratti di un dato molto inferiore al reale.

Quando è stato chiesto di commentare i contenuti del rapporto, la Nosdra ha  fornito informazioni limitate, mentre il Dipartimento per le risorse petrolifere non ha risposto affatto.

Il Cehrd è un'organizzazione senza scopo di lucro formata da contadini e che si occupa di questioni agricole. È stata fondata da ambientalisti, attivisti per la tutela dell'ambiente e operatori sanitari del Delta del Niger. Cerca di risolvere i problemi ambientali, di diritti umani, di salute rurale e di sottosviluppo che piagano la regione.