In tutto il mondo, si sono moltiplicate le manifestazioni. | © AI
In tutto il mondo, si sono moltiplicate le manifestazioni. | © AI

Stati Uniti Guantanamo, 10 anni di vergogna in 10 cifre

Sono trascorsi quasi 11 annni dacché ha avuto luogo il primo trasferimento di detenuti verso il centro statunistense di Guantánamo Bay, a Cuba. Da allora, 779 persone vi sono state incarccerate, ...

Sono trascorsi quasi 11 annni dacché ha avuto luogo il primo trasferimento di detenuti verso il centro statunistense di Guantánamo Bay, a Cuba.

Da allora, 779 persone vi sono state incarccerate, nella maggior parte dei casi senza accuse né un giudizio.

Almeno 12 detenuti di Guantánamo erano minorenni quando sono stati posti in detenzione.

Più di 150 uomini sono tuttora carcerati a Guantánamo.

Un detenuto a Guantánamo è stato trasferito in territorio statunitense per essere giudicato da un tribunale federale.

Sette detenuti sono stati riconosciuti colpevoli da commissioni militari, in cinque casi a seguito di accordi intervenuti preliminarmente al processo, accordi a seguito dei quali si sono dichiarati colpevoli. Quattro di loro sono stati rinviati nei rispettivi Paesi.

Il 16 ottobre 2012, uno dei detenuti giudicati in quanto non vi era stato nessun accordo preliminare, ha visto la sua condanna annullata da una corte d'appello federale, che ha concluso che «il sostegno materiale al terrorismo» non configura un crimine di guerra ai sensi del diritto federale vigente all'epoca dei fatti, per cui l'uomo era stato giudicato in virtù della legge relativa alle commissioni militari del 2006.

Attualmente, sei detenuti rischiano d'essere condannati a morte da commissioni militari a conclusione di processi iniqui.

Nove carcerati sono morti durante la detenzione a Guantánamo; l'ultimo decesso è avvenuto nel settembre 2012. Secondo le autorità, degli otto carcerati deceduti prima di quest'ultimo, sei si sarebbero suicidati e due sarebbero morti per cause naturali.

Dal 2002, circa 600 detenuti sono stati trasferiti da Guantánamo verso altri Paesi.

Stando a una dichiarazione resa nel 2010 dall'amministrazione di Barack Obama, 48 detenuti non potevano essere giudicati né liberati ma dovevano rimanere in detenzione illimitata.