La Svizzera dovrebbe diventare il 47esimo Stato a ratificare il Trattato sul commercio delle armi | © TBWA/Paris
La Svizzera dovrebbe diventare il 47esimo Stato a ratificare il Trattato sul commercio delle armi | © TBWA/Paris

Trattato sul commercio delle armi Luce verde della Svizzera alla ratificazione

Amnesty International accoglie con favore la chiara decisione del Consiglio degli Stati di autorizzare la ratifica del trattato internazionale sul commercio delle armi. La Svizzera potrà raggiungere i 46 Stati che, ad oggi, hanno già ratificato il documento.

«Ci rallegriamo del fatto che per una volta il Parlamento non abbia avuto nulla da ridire. La decisione del Consiglio degli Stati è stata altrettanto netta di quella presa dal Nazionale lo scorso mese di giugno, quando si espresse a favore della ratifica senza alcuna opposizione», ha affermato il giurista della sezione svizzera di Amnesty International Alain Bovard.

Il Consiglio federale deve ora ratificare il trattato che entrerà in vigore probabilmente entro la fine dell'anno, dopo che sarà stato ratificato da 50 Stati.

«Con la ratifica di questo trattato, la Svizzera fisserà delle regole minime che devono essere soddisfatte per le esportazioni di armi e di materiale da guerra prodotto in Svizzera, con un’attenzione particolare al rispetto dei diritti umani», ha aggiunto Bovard. «Siamo soddisfatti perché questa decisione della Svizzera proteggerà l’attuale legge da possibili nuovi attacchi provenienti dagli ambienti degli armamenti che la trovano troppo rigida».

Il trattato sul commercio delle armi adottato il 2 aprile 2013 dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite stabilisce norme minime da rispettare prima di autorizzare il trasferimento internazionale di armi. Un trasferimento di armi dovrebbe essere vietato quando esiste un rischio significativo che possa essere causa di gravi violazioni dei diritti umani, del diritto umanitario internazionale o quando può condurre alla violenza contro donne e ragazze.

15 settembre 2014

Grazie per la tua donazione

Il tuo impegno è la nostra forza. Grazie per la tua donazione