© wikimedia commons
© wikimedia commons

Spagna La condanna per sedizione di Jordi Sànchez e Jordi Cuixart minaccia i diritti alla libertà di espressione e di riunione pacifica

19 novembre 2019
La condanna di Jordi Sànchez e Jordi Cuixart per sedizione viola il loro diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica e devono essere immediatamente rilasciati. Lo ha oggi Amnesty International dopo la pubblicazione dell'analisi della sentenza emessa il mese scorso dalla Corte Suprema spagnola.

La condanna di Jordi Sànchez e Jordi Cuixart per sedizione viola il loro diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica e devono essere immediatamente rilasciati. Lo ha oggi Amnesty International dopo la pubblicazione dell'analisi della sentenza emessa il mese scorso dalla Corte Suprema spagnola.

Le pene detentive inflitte sono il risultato di una definizione vaga del reato di sedizione nel codice penale spagnolo.

Le pene detentive inflitte ai due leader della società civile e ad altri sette alti funzionari catalani sono il risultato di una definizione vaga del reato di sedizione nel codice penale spagnolo e di un'interpretazione troppo ampia e pericolosa di questa definizione da parte della Corte Suprema.

"Jordi Sànchez e Jordi Cuixart devono essere rilasciati immediatamente e le loro condanne per l'accusa di sedizione devono essere annullate", ha detto Daniel Joloy, Senior Policy Advisor di Amnesty International.

"Mentre la nostra analisi non ha rilevato alcun fattore che suggerisca nel suo complesso il processo sia stato iniquo, è chiaro che l'interpretazione della Corte Suprema del crimine di sedizione è stata troppo ampia e ha portato alla criminalizzazione di atti legittimi di protesta".

Come privati cittadini e leader delle organizzazioni della società civile, Jordi Sànchez e Jordi Cuixart avevano il diritto di esprimere le proprie opinioni e di organizzare incontri pacifici per sostenere il referendum e l'indipendenza della Catalogna.

Anche se lo scopo di uno qualsiasi di questi incontri o delle loro azioni era quello di impedire l'applicazione di una risoluzione giuridica, la disobbedienza civile pacifica è anche protetta dal diritto internazionale in materia di diritti umani. Portare accuse eccessivamente severe ad atti di disobbedienza civile limita indebitamente il diritto di riunione pacifica e viola il diritto internazionale.

Dopo aver seguito l'intero processo, Amnesty International conclude che le condanne a nove anni d'attività, la disobbedienza civile pacifica è protetta dal diritto internazionale dei diritti umani, anche se lo scopo di uno qualsiasi di questi incontri o delle loro azioni era quello di impedire l'applicazione di una risoluzione giuridica. L'organizzazione constata inoltre che la Corte suprema non ha dimostrato che l'imposizione di sanzioni così severe era proporzionata agli atti pacifici di cui sono stati accusati.

"Le sentenze pronunciate costituiscono chiaramente una limitazione eccessiva e sproporzionata del loro diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica." Esteban Beltran, direttore di Amnesty Spain.

"Le sentenze pronunciate contro Jordi Sànchez e Jordi Cuixart costituiscono chiaramente una limitazione eccessiva e sproporzionata del loro diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica", ha dichiarato Esteban Beltran, direttore di Amnesty Spain.

Essa constata inoltre che la Corte suprema non ha dimostrato che l'imposizione di sanzioni così severe era proporzionata agli atti pacifici di cui sono stati accusati.

"Le sentenze pronunciate a Jordi Sànchez e Jordi Cuixart costituiscono chiaramente una restrizione eccessiva e sproporzionata al loro diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica", ha dichiarato Esteban Beltran, direttore di Amnesty Spagna.

"Il Parlamento deve rivedere urgentemente la definizione del reato di sedizione per evitare la criminalizzazione di atti pacifici di disobbedienza civile o di limitare indebitamente la libertà di riunione o di espressione pacifica".

Amnesty International è inoltre preoccupata dal fatto che la Corte colleghi la gravità del reato con il fatto che l'opposizione all'esecuzione di un ordine del tribunale è stata "massiccia o generalizzata". Così facendo, la Corte ha aperto la porta alla possibilità per le autorità di imporre un limite illegale al numero di persone che possono contemporaneamente esercitare il proprio diritto di protestare pacificamente.

La mancanza di chiarezza sul reato di sedizione nel codice penale, così come interpretato dalla Corte di giustizia, comporta l'imposizione di indebite restrizioni al diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica. Di conseguenza, un'ampia gamma di azioni dirette non violente viene ingiustamente criminalizzata.

La vaghezza della definizione del reato di sedizione e la sua interpretazione troppo ampia mette in discussione anche le condanne per sedizione imposte ai leader politici catalani.

"Mentre i leader politici catalani potrebbero aver commesso un reato che avrebbe potuto essere legittimamente perseguito in considerazione delle loro posizioni ufficiali, la loro condanna per sedizione - un reato definito troppo vagamente - è in violazione del principio di legalità. Le autorità devono urgentemente rimediare a questa situazione ", ha detto Adriana Ribas, coordinatrice di Amnesty International in Catalogna.

"Ogni individuo ha il diritto di sapere se la sua condotta può costituire un crimine. Ma questa sentenza dimostra che la vaghezza della definizione del reato di sedizione ne consente un uso eccessivo. L'interpretazione di questo reato da parte della Corte Suprema spagnola potrebbe avere un effetto agghiacciante che potrebbe impedire alle persone di partecipare a proteste pacifiche senza paura".

CONTESTO

Amnesty International ha seguito i procedimenti contro 12 leader catalani in relazione agli eventi verificatisi in Catalogna intorno al referendum del 1° ottobre 2017, anche partecipando a tutte le udienze del processo tenutosi a Madrid.

Le sentenze sono state pronunciate il 14 ottobre. Sette alti funzionari catalani, così come due leader di organizzazioni della società civile, sono stati condannati a pene che vanno dai nove ai tredici anni di carcere e all'interdizione dalle cariche pubbliche per il reato di sedizione. Altri tre alti funzionari sono stati condannati per il reato di disobbedienza e condannati a una multa e alla squalifica dal pubblico ufficio.

Secondo il diritto internazionale in materia di diritti umani, le restrizioni al diritto di riunione pacifica devono essere previste dalla legge, essere necessarie e proporzionate ad un determinato interesse pubblico. Una manifestazione non perde il suo carattere pacifico perché durante il suo svolgimento sono stati commessi atti illegali o a causa dell'uso della violenza da parte di alcuni manifestanti.

Inoltre, mentre il comportamento pacifico nello svolgimento di una protesta può essere soggetto a determinate restrizioni, queste devono essere debitamente stabilite dalla legge.  Qualsiasi reato deve essere formulato con sufficiente chiarezza per consentire alle persone di regolare la propria condotta di conseguenza.