Nuova piattaforma interattiva Il commercio di gas lacrimogeni favorisce le violenze da parte della polizia ovunque nel mondo

Comunicato stampa, 11 giugno 2020, Hong Kong/Londra/Lugano – Contatto media
L'oscuro e mal regolamentato commercio globale di gas lacrimogeni sta alimentando le violazioni dei diritti umani da parte della polizia contro i manifestanti pacifici su scala globale. Lo ha detto oggi Amnesty International nel presentare una nuova fonte di informazioni che analizza l'uso improprio dell'agente antisommossa in tutto il mondo.

Tear Gas: An investigation è il sito interattivo e multimediale dell'organizzazione che analizza cosa sono i gas lacrimogeni, come sono utilizzati e documenta decine di casi di uso improprio da parte delle forze di sicurezza in tutto il mondo, spesso con gravi lesioni o morte.

Il sito è particolarmente attuale oggigiorno. Il lancio coincide con l'anniversario dell'inizio dell'impiego di lacrimogeni da parte delle forze di polizia di Hong Kong per mesi contro manifestazioni pacifiche - che è stato recentemente rinnovato - e mentre le forze di polizia in decine di città degli Stati Uniti bombardano i manifestanti con gas lacrimogeni.

"Le forze di sicurezza spesso ci portano a credere che i gas lacrimogeni siano un modo "sicuro" per disperdere le folle violente, evitando di dover ricorrere ad armi più dannose. Ma la nostra analisi dimostra che le forze di polizia ne fanno un uso improprio su vasta scala", ha detto Sam Dubberley, capo del Evidence Lab del programma Crisis Response di Amnesty International.

"Abbiamo documentato come le forze di polizia utilizzano i gas lacrimogeni in modo improprio, spesso in grandi quantità, contro manifestanti in gran parte pacifici o sparando proiettili direttamente contro le persone, causando feriti e morti".

Indagine open source

Nell'ultimo anno, il Crisis Evidence Lab di Amnesty International ha svolto ricerche sull'uso improprio dei gas lacrimogeni in tutto il mondo, principalmente attraverso video pubblicati su piattaforme di social media come Facebook, YouTube e Twitter.

Utilizzando metodi di indagine open source, l'organizzazione ha verificato circa 500 video e ha evidenziato quasi 80 eventi in 22 paesi e territori in cui i gas lacrimogeni sono stati utilizzati in modo improprio, confermando il luogo, la data e la validità. L'analisi è stata effettuata dal Digital Verification Corps di Amnesty International - una rete di studenti di sei università di quattro continenti che si sono formati nel sourcing e nella verifica del contenuto dei social media.

Oltre alle interviste con gli stessi manifestanti, l'analisi evidenzia un'inquietante tendenza globale all'uso illegale e diffuso di gas lacrimogeni. 

Il sito include un video realizzato in collaborazione con la SITU Research, che analizza le prestazioni dei gas lacrimogeni, spiega il funzionamento interno delle munizioni e mostra come il loro uso improprio possa mutilare e uccidere.

Tipi di uso improprio

I gas lacrimogeni sono stati sparati attraverso il parabrezza di un'autovettura, all'interno di uno scuolabus, in occasione di una cerimonia funebre, all'interno di ospedali, edifici residenziali, metropolitane, centri commerciali e - stranamente - in strade praticamente vuote.

Le forze di sicurezza hanno anche sparato bombole di lacrimogeno direttamente su singoli individui, provocando vittime; e da camion, jeep e droni che sfrecciavano ad alta velocità. Tra coloro che sono stati presi di mira vi sono stati manifestanti per il clima, studenti delle scuole superiori, personale medico, giornalisti, migranti e difensori dei diritti umani, come i membri del movimento Bring Back Our Girls in Nigeria.

Un videoclip mostra come, il 1 giugno 2020 a Philadelphia, la polizia ha sparato ripetute raffiche di gas lacrimogeni contro decine di manifestanti intrappolati su un ripido argine dell'autostrada senza una via di fuga sicura.

I medici di Omdurman, fuori dalla capitale del Sudan, Khartoum, hanno detto ad Amnesty International che l'anno scorso le forze di sicurezza e le truppe hanno fatto irruzione in un Pronto soccorso dell'ospedale, riempiendolo di gas nocivi e ferendo altre 10 persone. Un medico ha detto: "I soldati hanno sparato gas lacrimogeni e munizioni vere all'interno dell'ospedale, poi alcuni sono arrivati al pronto soccorso e hanno sparato quattro bombole di gas lacrimogeni; grazie a Dio solo una è esplosa". Una bomboletta di gas lacrimogeno è stata gettata sotto il letto di un uomo di 70 anni che era un paziente in arresto cardiaco. 10 minuti dopo era morto.

Un video venezuelano mostra una bombola di lacrimogeni che fa un buco in uno scudo di legno di fortuna, usato da un manifestante per difendersi dall'uso di lacrimogeni da parte della polizia a Caracas. Un colpo mancato per un pelo: pochi centimetri di distanza e avrebbe potuto causare una ferita mortale.

Amnesty International ha documentato diversi tipi di abuso di gas lacrimogeni da parte della polizia:

- Gas sparati in spazi ristretti;

- Gas sparati direttamente contro le persone;

- Usando quantità eccessive;

- Gas sparati durante proteste pacifiche; e

- Gas sparati contro gruppi che possono essere meno capaci di fuggire o più suscettibili ai suoi effetti, come i bambini, gli anziani e le persone con disabilità.

Il sito include video interviste con una serie di analisti esterni - da un medico di emergenza ad esperti di polizia, di affari e di diritti umani - sul perché i gas lacrimogeni sono così dannosi se usati in modo sbagliato.

Amnesty International si unisce al relatore speciale dell'ONU sulla tortura per equiparare l'uso dei gas lacrimogeni in situazioni di emergenza alla tortura o ad altri maltrattamenti.

Commercio scarsamente regolamentato

Nonostante il suo diffuso uso improprio, non esistono norme internazionali concordate sul commercio di gas lacrimogeni e di altri agenti antisommossa. Pochi Stati forniscono informazioni pubbliche sulla quantità e la destinazione delle esportazioni di gas lacrimogeni, ostacolando una supervisione indipendente.

Amnesty International e la Omega Research Foundation hanno condotto una campagna per oltre due decenni per un maggiore controllo della produzione, dell'uso e del commercio di gas lacrimogeni e di altre armi meno letali. Di conseguenza, l'ONU e gli organismi regionali come l'UE e il Consiglio d'Europa hanno riconosciuto la necessità di regolamentare l'esportazione di armi meno letali.

A seguito del sostegno diplomatico ad alto livello da parte degli oltre 60 Stati dell'Alleanza per il commercio libero da tortura, sostenuta da Amnesty International e Omega, l'ONU sta ora esplorando il potenziale sviluppo di controlli sul commercio internazionale di armi meno letali e di altri beni per prevenire il loro uso nella tortura, in altri maltrattamenti e nella pena di morte. Amnesty International e Omega stanno ora facendo pressioni affinché tali misure includano gas lacrimogeni e altri agenti antisommossa.

"Parte del problema dei gas lacrimogeni è semplicemente che alcune forze di polizia fraintendono come e quando possono essere usati legalmente, mentre altri scelgono di ignorare queste indicazioni e alcuni li hanno usati come armi", ha detto Patrick Wilcken, ricercatore, controllo delle armi, sicurezza e diritti umani.

"Ma parte della soluzione deve anche essere un maggiore controllo del commercio globale mal regolamentato di gas lacrimogeni e di altri agenti antisommossa. I gas lacrimogeni dovrebbero essere coperti dai controlli internazionali su armi e restrizioni meno letali, attualmente in discussione all'ONU".

Informazioni complementari

Paesi e territori coperti:

Bolivia, Cile, Colombia, RDC, Ecuador, Francia, Guinea, Hong Kong, Honduras, Haiti, India (Kashmir amministrato dall'India), Iraq, Iran, Kenya, Libano, Nigeria, Israele-OPT, Sudan, Turchia, USA, compresa la frontiera USA/Messico, Venezuela, Zimbabwe.

Produttori di gas lacrimogeni e relativi lanciatori coperti:

Cavim; Condor Non-Lethal Technologies; DJI*; Falken; PepperBall; The Safariland Group; e Tippmann Sports LLC. Amnesty International ha contattato tutte e sette le aziende per un commento e solo una ha risposto.

*produce droni commerciali che sono stati utilizzati per lanciare gas lacrimogeni a Gaza

 

 

La sua donazione protegge

Aiuto per i bambini traumatizzati dalla guerra La sua donazione protegge