©Amnesty International
©Amnesty International

Iran Internet bloccato intenzionalmente durante i disordini del novembre 2019 - nuova indagine

Comunicato stampa, 16 novembre 2020, Lugano – Contatto media
Le autorità iraniane hanno intenzionalmente chiuso Internet durante le proteste del novembre 2019, nascondendo la vera portata delle uccisioni illegali da parte delle forze di sicurezza. È quanto afferma Amnesty International nel presentare una nuova indagine.

Nell'anniversario del giorno più mortifero delle proteste, Amnesty International lancia un nuovo microsito, A web of impunity: The killings Iran’s internet shutdown hid, documentando come la letale repressione che ha causato la morte di almeno 304 persone sia stata nascosta al mondo.

"Quando lo scorso novembre è cominciata ad arrivare in Iran la notizia del giro di vite, il mondo è rimasto scioccato dalla violenza brutale delle forze di sicurezza. Le autorità hanno deliberatamente bloccato l'accesso a Internet all'interno dell'Iran, nascondendo la vera portata delle orrende violazioni dei diritti umani che stavano compiendo in tutto il Paese", ha detto Diana Eltahawy, vice-direttrice regionale di Amnesty International per il Medio Oriente e il Nord Africa.

"Il governo pensava di poter mettere a tacere la popolazione mettendo il Paese off-line, ma il popolo iraniano era determinato a dire la verità al mondo. Il nostro nuovo sito web è un omaggio al coraggio di tutti coloro che hanno immortalato con la telecamera le scene di violenza che le autorità volevano tenere nascoste". 

Il microsito - un'indagine congiunta di Amnesty International e The Hertie School, in collaborazione con il progetto Internet Outage Detection and Analysis (IODA) - presenta più di 100 video verificati provenienti da 31 città, e rivela l'uso ripetuto di armi da fuoco, idranti e gas lacrimogeni da parte delle forze di sicurezza iraniane contro manifestanti e astanti disarmati.

Finora nessuno è stato indagato penalmente o ritenuto responsabile degli omicidi. Amnesty International chiede nuovamente agli Stati membri del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite di ordinare un'inchiesta sulle uccisioni illegali per garantire che coloro che hanno ordinato, pianificato ed eseguito questi crimini siano assicurati alla giustizia in un processo equo.

Violenta repressione e blocco di internet

Il 15 novembre 2019, dopo l'annuncio da parte del governo di un significativo aumento del prezzo del carburante, in tutto l'Iran sono scoppiate le proteste. Durante i cinque giorni di protesta che sono seguiti, le forze di sicurezza hanno ucciso almeno 304 uomini, donne e bambini. Le vittime sono state uccise per lo più con colpi alla testa o al torso, il che indica che le forze di sicurezza stavano attuando una politica di tiro al bersaglio. Si ritiene che il numero reale dei morti sia molto più alto, ma l'insabbiamento in corso da parte delle autorità iraniane significa che il vero numero di morti potrebbe non essere mai noto.

Il 16 novembre le autorità hanno iniziato a chiudere la rete internet del Paese. Le ricerche di Amnesty International dimostrano che quel giorno è stato anche il più mortale delle proteste, con almeno 100 manifestanti e passanti uccisi.

Con l'intensificarsi delle proteste, le autorità iraniane hanno attuato un quasi totale blocco di Internet, ordinando a diversi fornitori di servizi Internet di chiudere. Lo IODA (Internet Outage Detection and Analysis) ha osservato un calo costante dei segnali, iniziato quando agli operatori cellulari è stato ordinato di disconnettersi intorno alle 14.00, ora locale, il 16 novembre. Alle 19, l'Iran è sceso nell'oscurità digitale.

L'Internet nazionale iraniano è rimasto online, consentendo il proseguimento di attività come i servizi governativi e le banche, che hanno minimizzato le perdite finanziarie nell'economia del Paese. Solo cinque giorni dopo, verso le 10 del 21 novembre, l'accesso a internet ha cominciato a essere ripristinato. Solo il 27 novembre è tornato completamente operativo.

Black-out di Internet e diritti umani                                                              

Un black-out avviene quando uno stato o un altro attore interrompe intenzionalmente l'accesso a Internet per una popolazione specifica o all'interno di una regione specifica. Le interruzioni assumono forme diverse. Le autorità possono rallentare l'accesso a Internet per rendere difficile l'accesso, o possono ordinare ai fornitori di chiudere completamente i servizi.

Il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha dichiarato che "gli Stati... non devono bloccare o ostacolare la connettività tra le reti in relazione ad assemblee pacifiche". Tuttavia, negli ultimi anni molti Stati hanno sempre più spesso utilizzato la chiusura di Internet come strumento per soffocare o mettere a tacere il dissenso, soprattutto di fronte a proteste o rivolte.

Dalle proteste del novembre 2019, l'accesso a internet in Iran è stato interrotto in diverse occasioni durante ulteriori proteste. Organizzare proteste pacifiche, criticare apertamente le politiche dello Stato e documentare le violazioni dei diritti umani: tutte queste azioni dipendono fortemente dalla possibilità di accedere a internet e sono protetti dalle leggi internazionali sui diritti umani.

Oggi, Amnesty International si unisce anche alla coalizione #KeepItOn, una partnership di oltre 220 organizzazioni che si battono contro la chiusura di Internet.

"L'accesso a internet è essenziale per proteggere i diritti umani, soprattutto in tempi di protesta. Le autorità iraniane devono impegnarsi a non mettere mai più il Paese offline, e devono rispettare il diritto alla protesta pacifica", ha detto Sam Dubberley, capo del Crisis Evidence Lab di Amnesty International. 

Indagare su omicidi sospetti

Amnesty International ha documentato per la prima volta l'uso della forza letale contro i manifestanti nei giorni successivi all'inizio della repressione, e ha registrato i dettagli di almeno 304 persone uccise in un'indagine pubblicata nel maggio 2020. 

L'organizzazione ha verificato le morti raccogliendo prove da video e fotografie, certificati di morte e di sepoltura, testimonianze oculari, parenti delle vittime, amici e conoscenti sul campo, nonché informazioni raccolte da attivisti per i diritti umani e giornalisti.

Ulteriori ricerche del Digital Verification Corps di Amnesty International hanno rilevato che nella stragrande maggioranza dei casi in tutto il Paese non c'erano prove che i manifestanti rappresentassero una minaccia imminente per la vita o una minaccia di grave pregiudizio. In quanto tale, l'uso intenzionale e letale di armi da fuoco da parte delle autorità era del tutto ingiustificato e illegale. 

I dati chiave che Amnesty International ha raccolto sono pubblicati sul microsito, comprese le foto delle vittime e i dettagli relativi alla loro causa e al luogo della morte, e possono essere scaricati sia in inglese che in farsi.

Amnesty International chiede ancora una volta alle autorità iraniane di garantire che vengano condotte indagini penali indipendenti e imparziali su ogni morte avvenuta durante le proteste del novembre 2019, come primo passo verso la fine dell'impunità.

Grazie per la tua donazione

Il tuo impegno è la nostra forza. Grazie per la tua donazione