Un ragazzino gioca fuori dal suo rifugio in un campo per sfollati fuori Maiduguri, nello Stato di Borno, Nigeria, nel gennaio 2020. Più di due milioni di persone sono sfollate all'interno del paese a causa dell'annoso conflitto tra l'esercito nigeriano e Boko Haram. © AI
Un ragazzino gioca fuori dal suo rifugio in un campo per sfollati fuori Maiduguri, nello Stato di Borno, Nigeria, nel gennaio 2020. Più di due milioni di persone sono sfollate all'interno del paese a causa dell'annoso conflitto tra l'esercito nigeriano e Boko Haram. © AI

Nigeria Aiutare i bambini le cui vite sono state spezzate dalla guerra

Comunicato stampa,27 maggio 2020, Londra/Lugano – Contatto media
La Nigeria deve affrontare urgentemente il problema della propria incapacità di proteggere e fornire istruzione a un'intera generazione di bambini del Nordest, una regione devastata da anni di atrocità da parte di Boko Haram e gravi violazioni da parte dei militari. Questo il monito lanciato da Amnesty International nel presentare un nuovo rapporto.

Il rapporto, “We dried our tears: Addressing the toll on children of Northeast Nigeria’s conflict", evidenzia come la detenzione illegale e la tortura da parte dei militari abbiano aggravato le sofferenze dei bambini degli Stati di Borno e Adamawa, già confrontati con i crimini di guerra e i crimini contro l'umanità commessi da Boko Haram.

Il documento rivela anche come i donatori internazionali abbiano finanziato un programma lacunoso che pretende di reintegrare gli ex presunti combattenti, ma che equivale in larga misura alla detenzione illegale di bambini e adulti.

"L'ultimo decennio del conflitto tra i militari nigeriani e Boko Haram è stato un assalto all'infanzia nel nord-est della Nigeria. Le autorità nigeriane rischiano di creare una generazione perduta, a meno che non affrontino con urgenza come la guerra ha preso di mira e traumatizzato migliaia di bambini", ha dichiarato Joanne Mariner, direttrice ad interim del team Crisis Response di Amnesty International.

"Boko Haram ha ripetutamente attaccato scuole e rapito un gran numero di bambini come soldati o "mogli", commettendo numerose altre atrocità", ha aggiunto Mariner, "Ma anche il trattamento riservato dai militari nigeriani a coloro che fuggono da queste brutalità è stato spaventoso. Dalla detenzione illegale e di massa in condizioni disumane, alle percosse e alle torture, fino a permettere abusi sessuali da parte di detenuti adulti: è inconcepibile che i bambini possano aver subito tali abusi dalle stesse autorità incaricate della loro protezione".

Tra il novembre 2019 e l'aprile 2020, Amnesty International ha intervistato più di 230 persone colpite dal conflitto, di cui 119 erano bambini quando hanno subito gravi crimini da parte di Boko Haram, l'esercito nigeriano, o entrambi. Tra questi, 48 bambini tenuti in detenzione militare per mesi o anni, e 22 adulti detenuti con bambini.

La brutalità di Boko Haram

I bambini sono stati tra i più colpiti dalla serie di atrocità commesse da Boko Haram su ampie zone del nord-est della Nigeria per quasi un decennio. Le tattiche classiche del gruppo armato hanno incluso attacchi alle scuole, rapimenti, reclutamento e uso di bambini soldato, e matrimoni forzati di ragazze e giovani donne - tutti reati che costituiscono crimini di guerra ai sensi del diritto internazionale.

Questo modello di crimini è ben noto in seguito a casi di alto profilo come il rapimento di centinaia di studentesse a Chibok nel 2014. Tuttavia, l'entità dei rapimenti è stata spesso sottovalutata e sembra che i casi siano migliaia. Boko Haram continua a costringere i genitori a consegnare ragazzi e ragazze, sotto minaccia di morte. Continua a dare in "sposa" con la forza ragazze e giovani donne. E continua a uccidere le persone che cercano di fuggire.

I bambini nelle zone sotto il controllo di Boko Haram sono stati sottoposti a torture, tra cui fustigazioni e altre percosse, e costretti ad assistere a esecuzioni pubbliche e ad altre punizioni brutali.

Una diciassettenne fuggita da Boko Haram dopo essere stata rapita e tenuta prigioniera per quattro anni ha descritto la vita nella foresta di Sambisa: "[Il mio] malvagio 'marito' mi picchiava sempre... Le mie attività quotidiane comprendevano pregare, cucinare se c'era da mangiare, [e] seguire lezioni di Corano. Non era permesso alcun movimento, e nessuna visita agli amici. È stata un'esperienza terribile, e ho assistito a diverse punizioni, persone uccise a colpi di pistola, lapidazioni, frustate".

Lei, e la maggior parte delle altre "mogli" dei bambini intervistati - comprese alcune che sono tornate con bambini nati durante la prigionia - hanno ricevuto poca o nessuna assistenza per tornare a scuola, per iniziare a vivere o per accedere al sostegno psicosociale.

"Mi piacerebbe andare a scuola, ma non ci sono soldi", ha detto la diciassettenne. "Il più grande aiuto per me sarebbe andare a scuola".

Detenzione militare

I bambini che fuggono dal territorio di Boko Haram devono affrontare una serie di violazioni da parte delle autorità nigeriane, compresi crimini secondo il diritto internazionale. Nella migliore delle ipotesi, finiscono per essere sfollati, lottano per la sopravvivenza e hanno scarso o nessun accesso all'istruzione. Nel peggiore dei casi, sono detenuti arbitrariamente per anni in caserme militari, in condizioni che equivalgono a torture o altri maltrattamenti.

L'Onu ha comunicato ad Amnesty International di aver verificato il rilascio di 2'879 bambini dalla detenzione militare dal 2015, anche se in precedenza aveva citato un numero maggiore di bambini detenuti tra il 2013 e il 2019. Queste statistiche sono probabilmente una grande sottovalutazione, e l'Onu ha detto che il suo accesso alla detenzione militare è limitato e di non poter quindi fornire dati precisi.

La maggior parte di tali detenzioni sono illegali; i bambini non sono mai accusati o perseguiti per alcun reato e sono privati del diritto di avere accesso a un avvocato, di comparire davanti a un giudice o di comunicare con le loro famiglie. Il ricorso generalizzato alle detenzioni illegali può costituire un crimine contro l'umanità.

Quasi tutti coloro che fuggono dal territorio di Boko Haram, compresi i bambini, subiscono una "verifica" da parte dell'esercito e della Task force civile congiunta - un processo che, per molti, comporta la tortura fino a quando la persona non "confessa" l'affiliazione a Boko Haram. I presunti membri e sostenitori di Boko Haram sono trasferiti e detenuti, spesso per mesi o anni, in condizioni squallide in centri di detenzione tra cui la caserma Giwa a Maiduguri e la base militare di Kainji nello Stato del Niger.

Ogni ex detenuto intervistato ha dato descrizioni coerenti e molto specifiche delle condizioni di detenzione: sovraffollamento estremo, mancanza di ventilazione nel caldo soffocante, parassiti ovunque, urina e feci sul pavimento a causa della mancanza di servizi igienici. Anche se negli ultimi anni ci sono stati alcuni miglioramenti, molti ex detenuti, compresi i bambini, sono stati confrontati con un accesso all'acqua, al cibo e all'assistenza sanitaria estremamente insufficiente.

Decine di migliaia di detenuti sono stati trattenuti in queste condizioni, estreme al punto da costituire il crimine di guerra della tortura. Molti bambini continuano a essere detenuti in queste condizioni, anche dopo i rilasci di massa a fine 2019 e inizio 2020. Amnesty International stima che almeno 10'000 persone, tra cui molti bambini, sono morte in detenzione durante il conflitto.

Un ragazzo di 14 anni rapito ancora bambino da Boko Haram, che è riuscito a fuggire ed è stato detenuto dall'esercito nigeriano, ha detto: "Le condizioni a Giwa sono orribili. Potrebbero farti morire. Non c'è un posto dove sdraiarsi... Fa caldo, tutti i tuoi vestiti erano bagnati, come se ti avessero messo in un fiume... Finora nessuno mi ha detto perché sono stato portato lì, cosa ho fatto, perché ero in detenzione. Mi chiedo: ma perché sono scappata da [Boko Haram]?".

Operation Safe Corridor

Amnesty International ha anche documentato delle violazioni in Operation Safe Corridor, un programma sostenuto da milioni di dollari provenienti da UE, Regno Unito, Stati Uniti e altri partner. Il centro di detenzione controllato dai militare fuori Gombe è stato istituito nel 2016 con l'obiettivo di de-radicalizzare e riabilitare i presunti combattenti o sostenitori di Boko Haram. Da allora ha visto circa 270 "laureati".

Le condizioni sono migliori nel sito di Safe Corridor rispetto ad altri luoghi di detenzione militare, e gli ex detenuti hanno parlato positivamente del sostegno psicosociale e dell'educazione degli adulti. Ma la maggior parte degli uomini e dei ragazzi che si trovano lì non sono stati informati sulle basi legali della loro detenzione e non ha ancora accesso ad avvocati o tribunali per contestarla. Il loro soggiorno, previsto di sei mesi, è stato in alcuni casi esteso a 19 mesi, durante i quali sono stati privati della libertà e sotto costante sorveglianza armata.

Gli ex detenuti hanno detto ad Amnesty International che le cure mediche erano estremamente carenti. Sette detenuti sono morti - molti di loro, se non tutti, dopo aver ricevuto cure mediche inadeguate. Le autorità nigeriane non hanno nemmeno informato le loro famiglie, che hanno saputo della morte dei propri cari dai detenuti rilasciati.

Un programma di formazione professionale che fa parte di Safe Corridor può equivalere a lavori forzati, poiché la maggior parte dei detenuti, se non tutti, non sono mai stati condannati per alcun crimine e fabbricano di tutto - dalle scarpe, al sapone, ai mobili - senza alcuna retribuzione.

Il programma sottopone inoltre alcuni detenuti a condizioni di lavoro non sicure. Alcuni detenuti hanno subito lesioni gravi alle mani dopo essere stati costretti a lavorare con la soda caustica, una sostanza altamente corrosiva, senza dispositivi di protezione. "La soda caustica è pericolosa. Se tocca il tuo corpo, ti toglierà la carne", ha detto un ex detenuto di 61 anni.

"Nessuno dei maggiori donatori di Safe Corridor approverebbe un tale sistema di detenzione prolungata e illegale per i propri cittadini, quindi lo accettano in Nigeria?" ha detto Osai Ojigho, direttrice di Amnesty International Nigeria.

"Le forze armate nigeriane devono rilasciare tutti i bambini detenuti arbitrariamente e fermare le altre violazioni che sembrano volte a punire migliaia di bambini, molti dei quali sono stati anche vittime delle atrocità di Boko Haram. Un impegno per l'educazione dei bambini e il recupero psicosociale potrebbe aprire una nuova strada per il Nordest".

 

 

La sua donazione protegge

Aiuto per i bambini traumatizzati dalla guerra La sua donazione protegge