Dix ans après le «printemps arabe», Amnesty dénonce dans un nouveau rapport les conditions de détentions effroyables des prisons égyptiennes. © AFP via Getty Images
Dix ans après le «printemps arabe», Amnesty dénonce dans un nouveau rapport les conditions de détentions effroyables des prisons égyptiennes. © AFP via Getty Images

Egitto: 10 anni dopo la «Primavera araba» I diritti umani calpestati nelle carceri

Comunicato stampa, 25 gennaio 2021, Londra/Lugano – Contatto media
In Egitto le autorità penitenziarie sottopongono i prigionieri di coscienza e altre persone detenute per motivi politici a tortura a condizioni di detenzione crudeli e disumane. Tortura, maltrattamenti e rifiuto di dispensare cure mediche hanno contribuito a morti in detenzione e a conseguenze irreversibili sulla salute dei detenuti.

Intitolato “What do I care if you die?” Negligence and denial of health care in the Egyptian prisons" (“Cosa vuoi che m’importi se muori? Negligenza e diniego di cure mediche nelle prigioni egiziane”), questo nuovo rapporto pubblicato in occasione del decimo anniversario dell’inizio della rivolta del 2011, dipinge un quadro cupo della crisi dei diritti umani in atto nelle prigioni egiziane, riempite dal governo del presidente Abdel Fattah al-Sisi di uomini e donne coraggiosi che sono stati in prima linea nella lotta per la giustizia sociale e politica.

“Il personale e la direzione delle carceri ostentano un totale disinteresse per la vita e il benessere dei detenuti." Philip Luther, direttore della ricerca e dell’advocacy di Amnesty International per il Medio Oriente e il Nord Africa.

“Il personale e la direzione delle carceri ostentano un totale disinteresse per la vita e il benessere dei detenuti, stipati in carceri sovraffollate, e ignorano in larga misura le loro esigenze sanitarie. Lasciano alle famiglie dei prigionieri l’onere di fornire loro medicinali, cibo e denaro per comprare beni di prima necessità, come ad esempio il sapone, e infliggono loro ulteriori sofferenze negando le cure mediche adeguate o il tempestivo trasferimento negli ospedali”, ha dichiarato Philip Luther, direttore della ricerca e dell’advocacy di Amnesty International per il Medio Oriente e il Nord Africa.

Il rapporto racconta le storie di 67 prigionieri, detenuti in tre prigioni femminili e 13 prigioni maschili in sette province. Dieci di loro sono morti in carcere e due poco dopo il loro rilascio, nel 2019 e nel 2020. Nel dicembre 2020 Amnesty International ha comunicato i risultati delle sue ricerche alle autorità egiziane ma non ha ricevuto alcuna risposta.

Condizioni di detenzione crudeli e disumane

“Abbiamo prove che le autorità carcerarie, in alcuni casi facendo riferimento a istruzioni dell’Agenzia per la sicurezza nazionale (Nsa), prendono di mira alcuni detenuti per punirli a causa della loro percepita opposizione o critica al governo”, ha aggiunto Luther.

Le rappresaglie comprendono l’essere tenuti in isolamento prolungato e a tempo indeterminato in condizioni disumane per più di 22-23 ore al giorno, non ricevere visite dei familiari per periodi fino a quattro anni e l’essere privati di pacchi di cibo o di altri prodotti essenziali inviati dai parenti.

Negligenza medica e rifiuto dell’assistenza sanitaria

Le ricerche di Amnesty International hanno rivelato che le direzioni delle carceri non forniscono ai detenuti un’assistenza sanitaria adeguata, sia per negligenza che per scelta.

Al prigioniero di coscienza Zyad el-Elaimy, ex parlamentare e figura di spicco delle proteste del 25 gennaio 2011, viene negata la possibilità di ricevere regolarmente le cure, di cui ha bisogno costantemente per malattie preesistenti all’arresto.

Abdelmoniem Aboulfotoh, ex candidato alla presidenza e fondatore del partito di opposizione Misr Al-Qawia, è detenuto arbitrariamente in isolamento dal febbraio 2018.

Il sessantanovenne Abdelmoniem Aboulfotoh, ex candidato alla presidenza e fondatore del partito di opposizione Misr Al-Qawia, è detenuto arbitrariamente in isolamento dal febbraio 2018. Soffre di diabete, pressione alta e ipertrofia della prostata, ma le autorità carcerarie hanno ripetutamente negato le sue richieste di trasferimento all’esterno del carcere, ritardando gravemente l’accesso al personale medico interno. I pubblici ministeri hanno respinto i suoi reclami.

“È scioccante che a tutti i 67 detenuti i cui casi sono documentati in questo rapporto sia stata negata un’adeguata assistenza sanitaria in carcere o non sia stato autorizzato neanche una volta il trasferimento in ospedali in grado di fornire cure specialistiche, causando così un significativo deterioramento della loro salute”, ha sottolineato Luther. “Questa grave inadempienza da parte delle autorità penitenziarie avviene con la consapevolezza, se non la complicità, dei pubblici ministeri e nell’assenza di qualsiasi controllo giudiziario.”

Morti in custodia

Amnesty International ha indagato su 12 persone morte in custodia o poco dopo il rilascio ed è a conoscenza di altri 37 casi verificatisi nel 2020, per i quali l’organizzazione non ha ottenuto il consenso delle famiglie per paura di rappresaglie. I gruppi egiziani per i diritti umani stimano che dal 2013 centinaia di persone siano morte in carcere. Le autorità rifiutano di rivelare i dati o di condurre indagini efficaci, approfondite, imparziali e indipendenti su questi decessi.

I gruppi egiziani per i diritti umani stimano che dal 2013 centinaia di persone siano morte in carcere.

Le orribili condizioni carcerarie, anche in isolamento prolungato, insieme al deliberato diniego di un’adeguata assistenza sanitaria possono aver contribuito o portato a molteplici decessi nel 2019 e nel 2020. Tra le cause, anche i soccorsi inadeguati o ritardati nei casi di emergenza.

Detenzione arbitraria di massa e sovraffollamento

Le autorità egiziane si rifiutano di rivelare il numero dei detenuti presenti nei centri penitenziari del paese. Si stima che il numero sia di 114.000, oltre il doppio della capienza massima carceraria di 55.000 persone indicata dal presidente al-Sisi nel dicembre 2020.

Il numero dei prigionieri è aumentato dopo la deposizione dell’ex presidente Mohamed Morsi nel luglio 2013, dando luogo a un grave sovraffollamento. Nelle 16 carceri esaminate da Amnesty International, centinaia di detenuti sono ammassati in celle sovraffollate, con una superficie media stimata di 1,1 metri quadrati per detenuto, molto inferiore al minimo di 3,4 metri quadrati raccomandato dagli esperti.

Le autorità continuano a ignorare gli appelli a ridurre la popolazione carceraria nel contesto della pandemia da Covid-19, mettendo in pericolo altre vite. Nel 2020, a seguito di grazie presidenziali e rilasci condizionali, sono uscite dalle prigioni 4000 persone in meno rispetto al 2019.

Scarsa risposta alla diffusione del Covid-19 nelle prigioni

Di fronte alla pandemia da Covid-19, le direzioni delle carceri non sono riuscite a distribuire regolarmente prodotti igienizzanti, a tracciare e controllare i nuovi arrivati, né a testare e isolare i casi sospetti. Problemi di lunga data, come la mancanza di acqua pulita, la scarsa ventilazione e il sovraffollamento, hanno reso impossibile l’attuazione di misure igieniche preventive e di distanziamento fisico.

I detenuti con sintomi da Covid-19 non sono stati sottoposti a test sistematici.

I detenuti con sintomi da Covid-19 non sono stati sottoposti a test sistematici. In alcune carceri i sospetti positivi sono stati posti in quarantena in celle piccole e buie, utilizzate per la detenzione in isolamento, senza accesso a cure adeguate. In altre prigioni sono stati lasciati nelle loro celle, mettendo in pericolo la salute degli altri detenuti.

Nessuna supervisione

Le autorità carcerarie operano con poca o nessuna supervisione indipendente. I procuratori hanno l’autorità di effettuare visite senza preavviso nei luoghi di detenzione, ma raramente lo fanno e generalmente ignorano i reclami dei detenuti.

“Le autorità devono ridurre urgentemente il sovraffollamento, rilasciando immediatamente tutti coloro che sono detenuti arbitrariamente, valutare la possibilità di rilasciare i prigionieri a più alto rischio di complicazioni da Covid-19 a causa della loro età o delle condizioni mediche preesistenti e fornire a tutte le persone sotto la loro custodia un’assistenza sanitaria adeguata, compresa la vaccinazione contro il Covid-19, senza discriminazioni”, ha affermato Luther.

“Le autorità egiziane devono consentire agli esperti indipendenti di accedere liberamente alle carceri e lavorare con loro per risolvere i problemi delle pessime condizioni di detenzione e dell’accesso all’assistenza sanitaria nelle carceri, prima che altre vite siano tragicamente perse”, ha concluso Luther.

Il ruolo della Svizzera

La comunità internazionale deve reagire con determinazione di fronte alle gravi violazioni dei diritti umani in Egitto. Amnesty International chiede alla Svizzera di sostenere la creazione di una missione indipendente di osservazione in seno al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite. Questa missione dovrebbe indagare nel dettaglio sulla situazione dei diritti umani in Egitto e fare un rapporto alla comunità internazionale.