Manifestanti pacififi protestano contro il colpo di stato militare a Nyaungshwe, Myanmar, il 7 febbraio 2021 © Robert Bociaga Olk Bon/shutterstock
Manifestanti pacififi protestano contro il colpo di stato militare a Nyaungshwe, Myanmar, il 7 febbraio 2021 © Robert Bociaga Olk Bon/shutterstock

Myanmar Prove video dimostrano l'uso da parte della polizia di mitragliatrici contro manifestanti pacifici

11 febbraio 2021
Una giovane donna è stata colpita alla testa dalle forze di sicurezza del Myanmar durante le proteste. È quanto ha confermato Amnesty International dopo aver esaminato i filmati che mostrano l'attacco. Questa prova contraddice anche le affermazioni dei militari del Myanmar, secondo cui gli agenti di sicurezza non portavano armi letali.

- Le prove mostrano il momento in cui una donna di 19 anni è stata colpita alla testa dalla polizia
- Le immagini mostrano un poliziotto che brandisce la variante Uzi prodotta in Myanmar

Un video della sparatoria, avvenuta nella capitale Nay Pyi Taw il 9 febbraio, condiviso sui social media  è stato verificato dagli esperti del Crisis Evidence Lab di Amnesty International. Secondo i media, la donna ha perso una significativa funzione cerebrale e ha solo poche possibilità di sopravvivenza.

La "True News Information Unit" dell'esercito del Myanmar ha dichiarato che le forze di sicurezza hanno dispiegato solo armi non letali. Tuttavia, le immagini mostrano un membro della polizia che brandisce un clone di Uzi BA-94 o BA-93, una variante prodotta in Myanmar di questa pistola mitragliatrice.

Nelle coordinate dell'immagine verificata, il presunto uomo armato della polizia è in piedi vicino o sull'altro lato della strada, da dove la donna è stata colpita.   

Il video angosciante cattura il momento esatto in cui la giovane donna, nominata sui social media come la diciannovenne Mya Thwe Thwe Khaing, viene colpita al lato della testa da un proiettile mentre si allontana dalle forze di sicurezza. Insieme ai manifestati si era riparata dagli idranti dietro una fermata dell'autobus quando le hanno sparato.

"Le gravi ferite riportate da questa giovane donna sono state causate dalla polizia del Myanmar che ha sparato munizioni vere direttamente contro i manifestanti pacifici", ha dichiarato Sam Dubberley, responsabile del Crisis Evidence Lab di Amnesty International.

"I materiali pubblicati sui social media che abbiamo verificato mostrano che la polizia ha preso di mira i manifestanti, senza alcun rispetto per la loro vita o sicurezza. Il loro abominevole uso della forza letale contro i manifestanti è illegale e deve essere indagato in modo indipendente, approfondito e tempestivo".

"L'uso inutile ed eccessivo della forza da parte delle forze di sicurezza del Myanmar deve cessare immediatamente. Mentre le proteste continuano, è vitale che il diritto del popolo di esprimere pacificamente le proprie rimostranze sia rispettato".

Giro di vite mortale sulle proteste

All'inizio di questa settimana, decine di migliaia di persone sono scese in strada in molte città del Myanmar - tra cui Nay Pyi Taw e le due città più grandi del paese, Yangon e Mandalay - per protestare pacificamente contro il colpo di stato militare nel paese. Le forze di sicurezza hanno utilizzato munizioni vere, proiettili di gomma, gas lacrimogeni e cannoni ad acqua nel tentativo di disperdere le proteste.

Il Crisis Evidence Lab di Amnesty International ha esaminato fotografie e video della protesta di Nay Pyi Taw del 9 febbraio  condivisi sui social media. Più tardi nel video, dopo che la giovane donna è stata colpita, si sentono altri colpi di pistola come pure  raffiche di fuoco provenienti da armi brandite dalla polizia. Il luogo della sparatoria è stato identificato come Taungnyo Road, appena a sud-est della rotonda Thabyegone a Naypyidaw (coordinate: 19.746822, 96.117287).

Altri post sui social media mostrano l'impatto che il proiettile ha avuto sul casco che la donna indossava, così come le risonanze al cervello che sembrano mostrare le sue lesioni significative.

"Nel sorvegliare le proteste, le forze di sicurezza devono sempre rispettare, proteggere e garantire i diritti umani degli organizzatori e dei partecipanti", ha detto Sam Dubberley.

"Le forze di sicurezza devono anche garantire la sicurezza e l'incolumità dei giornalisti, degli altri osservatori delle proteste e dei membri del pubblico che osservano le proteste o dei passanti".

"Il fallimento delle forze di sicurezza del Myanmar in questo dovere fondamentale in questo caso è profondamente inquietante".

Il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha in programma di tenere una sessione speciale sulla situazione in Myanmar oggi (11 febbraio).

I principi di base delle Nazioni Unite sull'uso della forza e delle armi da fuoco da parte delle forze dell'ordine affermano che le forze di sicurezza devono esaurire tutti i mezzi non violenti prima di impiegare la forza come ultima risorsa. Questi principi stabiliscono anche che le autorità devono esercitare la massima moderazione, e ricorrere all'uso delle armi da fuoco solo per proteggersi contro la minaccia imminente di morte o lesioni gravi e quando non c'è pericolo per le persone non coinvolte di essere uccise o ferite. Sparare indiscriminatamente sulla folla è sempre illegale.

 

 

La sua donazione protegge

Aiuto per i bambini traumatizzati dalla guerra La sua donazione protegge