©DR
©DR

Myanmar Un vasto arsenale di truppe dispiegato durante la violenta repressione delle manifestazioni.

Comunicato stampa, 11 marzo 2021, Londra/Lugano – Contatto media
In tutto il Myanmar si assiste a un crescente impiego da parte dell'esercito del paese di tattiche e armi sempre più letali - viste normalmente sul campo di battaglia - contro manifestanti pacifici e passanti. Lo rivela una nuova ricerca condotta da Amnesty International.

Un video riassuntivo è visibile qui.

  • L'analisi di oltre 50 video mostra uccisioni sistematiche e premeditate e il dispiegamento di armi da guerra.
  • Soldati già implicati nei crimini di guerra contro le minoranze etniche sono dispiegati nelle città del Myanmar.
  • Prove di esecuzioni extra giudiziali e di omicidi per ordine dei comandanti.
  • Comunicato originale inglese con i link ai video in allegato.

Verificando più di 50 video della repressione in corso, il Crisis Evidence Lab di Amnesty International può confermare che le forze di sicurezza sembrano attuare strategie pianificate e sistematiche che includono l'uso crescente della forza letale. Molte delle uccisioni documentate equivalgono a esecuzioni extragiudiziali.

I filmati mostrano chiaramente che le truppe militari del Myanmar - note anche come Tatmadaw - sono sempre più armate con armi che sono appropriate solo per il campo di battaglia, non per azioni di polizia. Gli ufficiali sono spesso visti avere comportamenti sconsiderati, compreso lo sparare indiscriminatamente munizioni vere nelle aree urbane.

"Queste tattiche militari del Myanmar sono tutt'altro che nuove, ma i loro massacri non sono mai stati trasmessi in livestream al mondo", ha dichiarato Joanne Mariner, direttrice del Crisis Response Team di Amnesty International.

"Queste non sono le azioni di singoli ufficiali sopraffatti che prendono decisioni sbagliate. Si tratta di comandanti impenitenti già implicati in crimini contro l'umanità, che dispiegano le loro truppe e i loro metodi omicidi alla luce del sole".

"Per anni, le minoranze etniche - tra cui Chin, Kachin, Karen, Rakhine, Rohingya, Shan, Ta'ang e altri - hanno sopportato il peso di orribili violenze inflitte dal Tatmadaw. Insieme ad altri gruppi per i diritti, abbiamo chiesto al Consiglio di Sicurezza dell'ONU di deferire la situazione in Myanmar alla Corte Penale Internazionale e di consegnare alla giustizia gli alti comandanti del Tatmadaw, compreso Min Aung Hlaing. Invece il Consiglio di Sicurezza non ha fatto nulla, e oggi vediamo le stesse unità militari rivolgere il loro fuoco sui manifestanti.

"Le autorità militari devono cessare immediatamente il loro assalto mortale, bloccare l'escalation a livello nazionale e rilasciare tutte le persone detenute arbitrariamente".

I 55 video analizzati, filmati dal 28 febbraio all'8 marzo, sono state registrate da comuni cittadini e dai media locali in città come Dawei, Mandalay, Mawlamyine, Monywa, Myeik, Myitkyina e Yangon.

Secondo il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Myanmar, il bilancio delle vittime delle proteste al 4 marzo è di 61 persone. Questa stima ufficiale esclude ulteriori vittime note negli ultimi giorni.

Uso pianificato, premeditato e autorizzato della forza letale

Amnesty International ha verificato diversi filmati che mostrano che la forza letale viene usata in modo pianificato, premeditato e coordinato.

In un video girato nella township di Sanchaung a Yangon il 2 marzo, si vede un comandante che sovrasta un ufficiale che aziona un fucile di precisione. Il comandante sembra dargli ordini di dirigere il fuoco verso specifici manifestanti.

In un filmato del 3 marzo a North Okkalapa township, Yangon, si vedono ufficiali che guidano un uomo verso un gruppo più grande di forze di sicurezza. L'uomo sembra essere sotto la custodia del gruppo e non offre alcuna resistenza visibile, quando un ufficiale accanto a lui improvvisamente gli spara. L'uomo cade immediatamente a terra e viene lasciato sulla strada, apparentemente senza vita, per diversi secondi prima che gli agenti tornino indietro e lo trascinino via.

Due persone sono state uccise e diverse altre ferite a Myitkyina, nello stato di Kachin, l'8 marzo. In una clip la cui autenticità è stata verificata, si vede un gruppo di persone scappare da una densa nuvola di fumo mentre si sentono degli spari in lontananza. Si sentono voci in preda al panico che dicono: "Brucia tanto" e "Una persona è morta", tra urla di shock mentre una persona con una grave ferita alla testa viene portata via. Si vedono poi diverse persone ferite venir essere trascinate via, lasciando importanti quantità di sangue sul terreno.

In un'altra clip verificata, datata 28 febbraio e girata a Dawei, si vede un membro dell'esercito che apparentemente presta il suo fucile a un ufficiale di polizia schierato al suo fianco. L'ufficiale si accovaccia, prende la mira e spara, prima che un gruppo di ufficiali in piedi accanto ai due uomini festeggi.

"Non solo questo episodio mostra uno sconsiderato disprezzo per la vita umana, trasformando in uno sport l'atto di sparare veri proiettili sui manifestanti, ma rivela anche un deliberato coordinamento tra le forze di sicurezza", ha detto Joanne Mariner.

Dispiegato un imponente arsenale militare

Il 5 marzo, i media statali hanno citato le autorità militari che negavano qualsiasi ruolo nelle uccisioni, sostenendo che "dietro questi casi ci sono persone senza scrupoli".

Tuttavia, Amnesty International ha identificato rappresentanti delle forze di sicurezza armate con una varietà di armi da fuoco militari, tra cui mitragliatrici leggere cinesi RPD, nonché fucili di precisione locali MA-S, fucili semiautomatici MA-1, mitragliatrici Uzi-replica BA-93 e BA-94 e altre armi prodotte in Myanmar. Queste armi sono completamente inappropriate per l'impiego nella gestione di proteste. Secondo le linee guida delle Nazioni Unite, le forze di sicurezza dovrebbero astenersi dall'uso di armi da fuoco, a meno che non ci sia una minaccia imminente di morte o lesioni gravi, e non ci sia un'alternativa adeguata disponibile.

"L'armamento utilizzato dal Tatmadaw rivela una deliberata e pericolosa escalation nelle tattiche", ha detto Joanne Mariner.

"Non contenti di usare indiscriminatamente armi meno letali, ogni giorno mostra un ordine apparente di impiegare fucili semiautomatici, fucili di precisione e mitragliatrici leggere in numero crescente. È molto chiaro: siamo in una nuova fase mortale della crisi".

Questo dispiegamento segue l'uso eccessivo di gas lacrimogeni, idranti, granate flashbang sudcoreane Dae Kwang DK-44 e altri controversi metodi di "controllo della folla", così come vergognosi episodi di pestaggi per mano delle forze di sicurezza, come in questo video verificato filmato a Mandalay il 7 marzo.

Foto e video mostrano anche che la polizia ha accesso ad armi tradizionali meno letali, tra cui lancia "pepper-ball", e fucili caricati con proiettili di gomma prodotti dalla società turca Zsr Patlayici Sanayi A.S., che utilizzano cartucce della società franco-italiana Cheddite.

Uso sconsiderato e indiscriminato di armi letali

Amnesty International ha anche verificato filmati in cui le forze di sicurezza utilizzano armi letali in modo sconsiderato, indiscriminato e che molto probabilmente causa ferite mortali.

I filmati verificati del 1° marzo a Mawlamyine, nello stato Mon, mostrano le forze di sicurezza a bordo di pick-up mentre sparano apparentemente in modo indiscriminato munizioni vere in più direzioni, anche nelle case delle persone.

In un filmato della città di Hledan, a Yangon, pubblicato il 28 febbraio, l'uomo che registra il filmato si affaccia da un balcone e descrive la scena sottostante, dove il personale delle forze armate sembra sparare gas lacrimogeni e munizioni direttamente sulle persone in strada. Rannicchiato con altri sul balcone, l'uomo continua a registrare la scena, quando un gruppo di agenti a livello della strada sembra notarlo. Si sente un solo colpo prima che la gente sul balcone dica: "Qualcuno è stato colpito! Entra [nell'appartamento]!". Si vede poi una donna ferita alla testa che si trova sul balcone.

"Mentre il bilancio delle vittime aumenta, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e la comunità internazionale devono andare oltre le preoccupazione e agire immediatamente per fermare le violazioni e assicurare che le persone responsabili siano giudicate per i propri atti", ha dichiarato Joanne Mariner.

Schierate divisioni militari famigerate

Ulteriori analisi di foto e video mostrano che le unità militari coinvolte in questa letale repressione includono il Comando Yangon, il Comando Nord-Ovest, e la 33a, 77a e 101a Divisione di Fanteria Leggera (LID), che spesso operano a fianco - e talvolta prestano le loro armi - agli agenti di polizia.

Secondo i filmati esaminati da Amnesty International, il 33° LID è attualmente schierato a Mandalay, il 77° a Yangon e il 101° a Monywa. Tutte e tre le città hanno visto casi estremi di forza eccessiva, comprese le uccisioni, da parte delle forze di sicurezza negli ultimi giorni.

Alcune di queste divisioni militari sono famose per le atrocità e le gravi violazioni dei diritti umani commesse negli Stati Rakhine, Kachin e Shan settentrionale. Amnesty International ha implicato soldati del 33° LID in crimini di guerra nello Stato Shan settentrionale nel 2016 e nel 2017, e in crimini contro l'umanità contro i Rohingya nello Stato Rakhine nel 2017.

 

La sua donazione protegge

Aiuto per i bambini traumatizzati dalla guerra La sua donazione protegge