© David Levenson/Getty Image
© David Levenson/Getty Image

Regno Unito L'estradizione Julian Assange minaccia libertà di stampa

13 febbraio 2024
Alla vigilia della prossima udienza di Julian Assange davanti ai tribunali del Regno Unito per la sua possibile estradizione negli Stati Uniti, Amnesty International ribadisce le proprie preoccupazioni sul fatto che l'estradizione potrebbe portare a gravi violazioni dei diritti umani e mette in guardia da un profondo "effetto raggelante" sulla libertà di stampa in tutto il mondo.

"Il destino degli editori e dei giornalisti investigativi di tutto il mondo è in bilico. Se Julian Assange verrà riportato negli Stati Uniti e processato, anche la libertà dei media nel mondo sarà messa a dura prova", ha dichiarato Julia Hall, specialista di Amnesty International sull'antiterrorismo e la giustizia penale in Europa.

"Assange soffrirà personalmente per queste accuse politicamente motivate e alla stampa mondiale verrà detto che nemmeno loro sono immuni". Il diritto all'informazione e alla conoscenza di ciò che i governi fanno nell'interesse pubblico sarà profondamente compromesso. Gli Stati Uniti devono ritirare le accuse contro Julian Assange in base allo Espionage Act e porre fine alla sua detenzione arbitraria nel Regno Unito.

Se Julian Assange perde l'appello, potrebbe essere estradato negli Stati Uniti e perseguito in base all'Espionage Act del 1917, una legge ereditata dalla Seconda guerra mondiale che non è mai stata pensata per colpire il lavoro legittimo dei giornalisti. Potrebbe rischiare fino a 175 anni di carcere. Per l'accusa meno grave di frode informatica, potrebbe rischiare una condanna massima di cinque anni.

Assange correrebbe inoltre un elevato rischio di isolamento prolungato in un carcere di massima sicurezza. Nonostante le "assicurazioni diplomatiche" offerte dagli Stati Uniti al Regno Unito, che dovrebbero garantire la sua sicurezza in caso di detenzione, queste sono così piene di riserve da non poter essere considerate affidabili.

"Le assicurazioni degli Stati Uniti sul fatto che sarà trattato bene in una prigione americana non sono affidabili. Sono vuote se si considera che Assange rischia di essere incarcerato per decenni in un sistema noto per i suoi abusi, tra cui la detenzione prolungata in isolamento e i servizi sanitari scadenti per i detenuti. Gli Stati Uniti non possono semplicemente garantire la sua sicurezza e il suo benessere, come non fanno per le centinaia di migliaia di persone attualmente detenute in quel Paese", aggiunge Julia Hall.

Una minaccia globale alla libertà dei media

L'estradizione di Julian Assange costituirebbe un pericoloso precedente: il governo statunitense potrebbe chiedere l'estradizione di editori e giornalisti di tutto il mondo. Altri Paesi potrebbero seguire l'esempio statunitense.

"La pubblicazione da parte di Julian Assange di documenti ottenuti da fonti riservate nell'ambito del suo lavoro con Wikileaks riflette il lavoro dei giornalisti investigativi. Essi svolgono regolarmente le attività descritte nell'atto di accusa: parlare con fonti confidenziali, richiedere chiarimenti o documenti aggiuntivi, ricevere e diffondere informazioni ufficiali e talvolta classificate", afferma Julia Hall.

La stampa pubblica spesso informazioni riservate - e giustamente. La pubblicazione di informazioni di interesse pubblico è una pietra miliare della libertà di stampa. È anche protetta dalla legge internazionale sui diritti umani e non dovrebbe essere criminalizzata.

"Questo è un test dei principi fondamentali della libertà di stampa... Non c'è solo Julian Assange sul banco degli imputati". Julia Hall, specialista in antiterrorismo e giustizia penale in Europa di Amnesty International

Per Julia Hall, "gli sforzi degli Stati Uniti per intimidire e mettere a tacere i giornalisti investigativi che denunciano la cattiva condotta del governo, come i crimini di guerra o altre violazioni del diritto internazionale, devono essere fermati sul nascere. Anche le fonti, come i whistleblower che denunciano le malefatte del governo a giornalisti ed editori, devono essere libere di condividere le informazioni nell'interesse pubblico. Saranno molto più riluttanti a farlo se Julian Assange sarà perseguito per aver svolto un lavoro legittimo".

"Questa è una prova dell'impegno delle autorità statunitensi e britanniche nei confronti dei principi fondamentali della libertà di stampa e, per estensione, della libertà di espressione e del diritto all'informazione. Julian Assange non è l'unico sul banco degli imputati. Silenzio Assange e altri saranno imbavagliati".

Il contesto

L'Alta Corte del Regno Unito ha confermato che il 20 e 21 febbraio 2024 si terrà un'udienza di due giorni. L'esito dell'udienza determinerà se Julian Assange sarà autorizzato a sostenere il suo caso nei tribunali del Regno Unito o se avrà esaurito tutti i rimedi legali nel Paese, il che porterebbe a un procedimento di estradizione o a una richiesta alla Corte europea dei diritti dell'uomo.