Una parte del tetto del teatro di Mariupol andata distrutta nell'attacco. © Alexander Nemenov/AFP via Getty Images
Una parte del tetto del teatro di Mariupol andata distrutta nell'attacco. © Alexander Nemenov/AFP via Getty Images

Ucraina L'attacco al teatro di Mariupol è "un chiaro crimine di guerra" da parte delle forze russe - nuova indagine

Comunicato stampa, 30 giugno 2022, Londra/Lugano – Contatto media
Una vasta indagine di Amnesty International ha concluso che le forze militari russe hanno commesso un crimine di guerra quando, a marzo, hanno colpito il teatro di Mariupol in Ucraina, uccidendo almeno una dozzina di persone e probabilmente molte di più.
In un nuovo rapporto, "Children: The Attack on the Donetsk Regional Academic Drama Theatre in Mariupol, Ukraine", l'organizzazione documenta come le forze armate russe abbiano probabilmente preso deliberatamente di mira il teatro pur sapendo che il 16 marzo centinaia di civili vi erano rifugiati. Questo fatto rende l'attacco un chiaro crimine di guerra.
 
Il Crisis Response Team di Amnesty International ha intervistato numerosi sopravvissuti e ha raccolto molte prove digitali, concludendo che l'attacco è stato quasi certamente condotto da aerei da combattimento russi, dai quali sono stati sganciate due bombe da 500 kg che hanno colpito a breve distanza l'una dall'altra e sono esplose simultaneamente.
 
"Dopo mesi di indagini rigorose, analisi di immagini satellitari e interviste con decine di testimoni, abbiamo concluso che l'attacco è stato un chiaro crimine di guerra commesso dalle forze russe", ha dichiarato Agnès Callamard, Segretaria generale di Amnesty International.
 
"Molte persone sono state ferite e uccise in questo attacco spietato. La loro morte è stata probabilmente causata dalle forze russe che hanno deliberatamente preso di mira i civili ucraini".
 
"La Corte penale internazionale, e tutte le altre istituzioni con giurisdizione sui crimini commessi durante questo conflitto devono indagare su questo attacco come crimine di guerra. Tutti i responsabili devono essere chiamati a rispondere per aver causato tanta morte e distruzione”.
 
Per determinare il peso netto dell'esplosivo (Net Explosive Weight - NEW) che sarebbe stato necessario per causare il livello di distruzione visto nel teatro, Amnesty International ha commissionato a un fisico la costruzione di un modello matematico della detonazione. La conclusione è stata che le bombe avevano un NEW di 400-800 kg. Sulla base delle prove disponibili riguardo alle bombe disponibili nell'arsenale russo, Amnesty International ritiene che le armi fossero molto probabilmente due bombe dello stesso modello da 500 kg, che insieme avrebbero prodotto un NEW totale di 440-600 kg.
 
I velivoli russi più probabili per l'attacco sono i caccia multiruolo - come i Su-25, i Su-30 o i Su-34 - che erano stanziati nei vicini campi d'aviazione russi e che sono stati visti spesso operare sopra l'Ucraina meridionale.
 
Amnesty International ha esaminato diverse teorie alternative sui possibili responsabili dell'attacco e sulle armi utilizzate. In base a prove credibili disponibili, gli investigatori hanno infine ritenuto che un attacco aereo deliberato mirato a un oggetto civile fosse la spiegazione più plausibile.
"Non potevo credere ai miei occhi"
In seguito all'invasione russa dell'Ucraina a fine febbraio 2022, i civili hanno iniziato a fuggire dalle proprie case mentre le città e i villaggi venivano presi di mira dagli attacchi militari. A Mariupol, città assediata nella regione di Donetsk, il teatro era diventato un rifugio sicuro per i civili che cercavano riparo dai combattimenti.
 
Il teatro, nel quartiere Tsentralnyi, era stato un centro di distribuzione di medicinali, cibo e acqua e luogo designato quale punto di raccolta per le persone che speravano di venire evacuate attraverso i corridoi umanitari. L'edificio era chiaramente riconoscibile come oggetto civile, forse più di qualsiasi altro luogo della città.
 
La gente del posto aveva anche scritto le gigantesche lettere cirilliche "Дети" - che in russo significa "bambini" - sui piazzali ai lati dell'edificio, affinché fossero chiaramente visibili ai piloti russi e anche nelle immagini satellitari.
 
Tuttavia, le bombe russe hanno colpito il teatro poco dopo le 10 del 16 marzo, producendo una grande esplosione che ha causato il crollo del tetto e di enormi porzioni di due pareti principali. Al momento dell'attacco, centinaia di civili si trovavano all'interno e nelle vicinanze del teatro.
 
Amnesty International ritiene che almeno una dozzina di persone siano state uccise dall'attacco e probabilmente molte di più, mentre molte altre siano rimaste gravemente ferite. Questa stima è inferiore a quelle precedenti, perché riflette il fatto che molte persone avevano lasciato il teatro nei due giorni precedenti l'attacco e la maggior parte di coloro che erano rimasti si trovavano nel seminterrato del teatro e in altre aree protette dall'esplosione.
 
L’esplosione delle bombe ha distrutto le pareti interne adiacenti lungo i lati dello spazio per le rappresentazioni e poi hanno sfondato le pareti portanti esterne, creando due campi di detriti principali sui lati nord-est e sud-ovest dell'edificio. Entrambi i campi di detriti sono visibili nelle immagini satellitari scattate pochi minuti dopo l'impatto.
 
Igor Moroz, un architetto di 50 anni, si trovava nelle vicinanze quando il teatro è stato colpito. Ha dichiarato ad Amnesty International: "È successo tutto davanti ai nostri occhi. Eravamo a 200 o 300 metri di distanza [quando] è avvenuta l'esplosione... Ho sentito un aereo e il rumore delle bombe che cadevano. Poi abbiamo visto il tetto [del teatro] sollevarsi".
 
Gregory Golovniov, un imprenditore di 51 anni, ha raccontato: "Stavo camminando lungo la strada che porta al teatro... ho sentito il rumore di un aereo... ma in quel momento non ho prestato molta attenzione perché [gli aerei] volavano continuamente... Ho visto il tetto dell'edificio esplodere... ha fatto un salto di 20 metri e poi è crollato... poi ho visto molto fumo e macerie... Non potevo credere ai miei occhi perché il teatro era un luogo di rifugio. C'erano due grandi scritte che dicevano 'bambini'".
 
Anche Vitaliy Kontarov, un camionista di 48 anni, era vicino al teatro al momento dell'attacco. Ha raccontato ad Amnesty International: "Abbiamo sentito gli aerei... Ho visto due missili sparare da un aereo verso il teatro”.
In un secondo, tutto è cambiato
In totale, gli intervistati hanno fornito ad Amnesty International i nomi completi di quattro persone uccise: Mykhailo Hrebenstskii, Luba Sviridova, Yelena Kuznetsova e Igor Chystiakov. Hanno anche fornito i nomi di altre tre persone che ritengono siano state uccise. Diversi sopravvissuti e altri testimoni hanno riferito di aver visto cadaveri di persone che non hanno potuto identificare, ed è probabile che molte vittime non siano state riportate.
 
Una giovane donna si era rifugiata nel seminterrato con il fidanzato e la madre quando le bombe hanno colpito. Ha raccontato ad Amnesty International: "In un secondo, tutto è cambiato. Tutto è saltato in aria... La gente ha iniziato a urlare. Era pieno di polvere. ... Ho visto persone sanguinare. Abbiamo preso i nostri documenti e ce ne siamo andati... Altre persone non sono state altrettanto fortunate".
 
Yehven Hrebenstskii ha trovato il corpo di suo padre Mykhailo all'interno della sala concerti. Yehven ha raccontato ad Amnesty International: "C'erano molti feriti... C'era la polizia che cercava di tirare fuori le persone dalle macerie... All'inizio ho visto il suo braccio [di Mykhailo]. Prima ho visto una mano familiare. Si conosce la mano dei propri cari. Il suo volto era coperto di sangue. Il suo corpo era coperto di mattoni... Non volevo che mia madre vedesse".
 
Dmytro Symonenko era con Luba Sviridova pochi istanti prima che morisse per le ferite riportate. Ha detto ad Amnesty International: "Era gravemente ferita. È riuscita a strisciare fuori dalle macerie... ci ha chiesto di ricordare il suo nome, perché sentiva che stava per morire".
 
Molti altri intervistati hanno raccontato ad Amnesty International di aver visto corpi insanguinati e parti del corpo smembrate, tra cui gambe e mani, tra le macerie dell'edificio devastato dopo l'attacco.
Civili presi di mira deliberatamente
Il Diritto internazionale umanitario (DIU) è il corpo di leggi che regola principalmente i conflitti armati. Un principio fondamentale del diritto internazionale umanitario è che le parti coinvolte in un conflitto armato devono sempre distinguere tra civili e oggetti civili, tra membri delle forze armate e oggetti militari. Gli oggetti militari possono essere presi di mira; è illegale prendere di mira civili o oggetti civili. Prima di qualsiasi attacco, i membri delle forze armate sono tenuti a prendere provvedimenti per assicurarsi di essere ragionevolmente certi di non colpire civili o oggetti civili.
 
Nessuno dei 28 sopravvissuti intervistati da Amnesty International, né nessun altro testimone che si trovava nei pressi del teatro il giorno dell'attacco, ha fornito informazioni che indichino che l'esercito ucraino stesse usando il teatro come base per le operazioni, come luogo di stoccaggio delle armi o come luogo da cui lanciare attacchi.
 
Il carattere civile del teatro e la presenza di numerosi civili erano evidenti nelle settimane precedenti l'attacco. La natura dell'attacco - la posizione dell'attacco all'interno dell'edificio e la probabile arma utilizzata - e l'assenza di qualsiasi obiettivo militare potenzialmente legittimo nelle vicinanze, suggeriscono fortemente che il teatro fosse l'obiettivo previsto. Di conseguenza, l'attacco costituisce probabilmente un attacco deliberato a un oggetto civile e un crimine di guerra.
 
“Via aria e via terra, le forze russe hanno compiuto una ben documentata e deliberata serie di uccisioni di civili in Ucraina", ha dichiarato Agnès Callamard.
 
"Sono urgentemente necessarie indagini approfondite per far sì che i responsabili dei gravi danni e delle perdite di vite civili, nonché degli ingenti danni alle infrastrutture civili siano chiamati a risponderne”.
Metodologia
Tra il 16 marzo e il 21 giugno, Amnesty International ha raccolto e analizzato prove credibili disponibili relative all'attacco al teatro. Tra queste, 52 testimonianze di prima mano di sopravvissuti e testimoni dell'attacco e delle sue conseguenze, 28 dei quali si trovavano all'interno o nelle vicinanze del teatro in quel momento. Amnesty International ha anche analizzato immagini satellitari e dati radar immediatamente prima e poco dopo l'attacco; materiale fotografico e video autenticato fornito da sopravvissuti e testimoni; e due serie di piante architettoniche del teatro.
 
Tutto ciò è stato supportato da un'indagine open source del Crisis Evidence Lab di Amnesty International, che ha esaminato e verificato 46 foto e video dell'attacco condivisi sui social media, oltre ad altre 143 foto e video condivisi privatamente con i ricercatori.
 
La documentazione continua di Amnesty International sulle violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario commesse durante la guerra in Ucraina è disponibile qui.