Casi del mese Scrivi una lettera, salva una vita

Dalla sua nascita, nel 1974, il Gruppo Ticino di Amnesty International si impegna concretamente per le vittime di violazioni dei diritti umani, ovunque nel mondo. La diffusione sul territorio cantonale degli Appelli internazionali di Amnesty International raccoglie l'adesione di centinaia di persone nella Svizzera Italiana. Qui è possibile scaricare i casi, pubblicati mensilmente, contribuendo grazie all'invio di una semplice cartolina alla difesa dei diritti fondamentali di persone altrimenti dimenticate.

Partecipare all'azione è semplice.

Dopo aver scaricato il documento PDF del caso scelto, si può ricopiare il testo suggerito su una cartolina, firmare, e spedire al destinatario indicato.

Altrimenti il documento può essere stampato, per ritagliare il formulario già pronto, firmare e incollare su una normale cartolina prima di spedire per posta.

Nella scelta delle cartoline chiediamo di prestare la massima attenzione, privilegiando paesaggi o immagini il più neutre possibile così da non turbare le diverse sensibilità culturali e religiose.

Ogni cartolina, ogni firma, conta!

Grazie mille!

 

Appelli attuali

Cile

celestino-cordoba.jpg

 

La salute e la vita stessa di Celestino Córdova sono in pericolo a causa dello sciopero della fame che ha iniziato più di tre mesi fa per protestare contro la proibizione fattagli di recarsi presso il "rehue", l'altare delle cerimonie sacre, per potervi compiere i riti di "rivitalizzazione" ritenuti essenziali per il benessere fisico e psichico della comunità Mapuche.

Celestino Córdova è il "Machi" ,cioè la più alta autorità spirituale del popolo Mapuche ed è detenuto dal 2014 nel carcere di Temuco con l'accusa di aver quanto meno avallato l'incendio nel quale è perita una coppia di anziani, i coniugi Luchsinger-Mackay.

Amnesty International chiede che a Celestino Córdova sia consentito di recarsi al suo "rehue". Chiede inoltre che sia adeguatamente protetto durante le 48 ore nelle quali egli praticherà i riti ancestrali previsti dalle usanze delle popolazione Mapuche. Riti per altro protetti anche dall'articolo 27 del Patto Internazionale dei Diritti Civili e politici.

 Sostieni Celestino Córdova, chiedi che i suoi diritti siano rispettati: cartolina da scaricare e inviare.

CINA

 ILHAM_TOHTI_01.jpg

Ilham Tohti, ex professore di diritto costituzionale e di commercio internazionale all'università delle Nazionalità di Pechino, è stato arrestato il 15 gennaio 2014, incatenato, detenuto in isolamento e privato di cibo per circa 15 giorni. Nel settembre del 2014, al termine di un processo iniquo, è stato condannato alla reclusione a vita per “separatismo”.

Ilham Tohti si è sempre battuto in favore del dialogo e della reciproca comprensione fra l'etnia Uigura alla quale egli stesso appartiene e l'etnia maggioritaria Han. Egli ha sempre ribadito la sua ferma opposizione alla violenza politica, operando invece in modo pacifico per il rispetto reciproco, la distensione e la collaborazione fra le diverse popolazioni che vivono in Cina.

Amnesty International lo considera un prigioniero di coscienza e ne chiede pertanto la liberazione immediata e senza condizioni.

Ilham Tohti è stato adottato dal Gruppo Ticino di Amnesty International, che da diversi anni si impegna per ottenere il suo rilascio.

Scrivi alle autorità cinesi, chiedi la liberazione immediata di Ilham Tohti!

IRAN

abdol.jpg

L'avvocato Abdolfattah Soltani  é un difensore dei diritti umani e co-fondatore, assieme al premio Nobel Shirin Ebadi, del Centre for Human Rights Defenders (CHRD). Per questa sua attività sta scontando una pena di 13 anni di carcere per “ propaganda contro il regime” e “fondazione di un gruppo illegale” ,il CHRD. È stato inoltre escluso dalla professione per 20 anni. Soltani è in prigione dal settembre del 2011.

Amnesty International chiede la sua immediata liberazione in quanto prigioniero di coscienza incarcerato unicamente per aver esercitato pacificamente il suo diritto alla libertà di espressione e di associazione. Chiede inoltre che gli siano prestate le cure mediche di cui ha bisogno.

Abdolfattah Soltani è stato adottato dal Gruppo Ticino di Amnesty International, che si prodiga per ottenerne la liberazione. 

 Scrivi alle autorità iraniane, chiedi giustizia per l'avvocato Soltani.